Prendere in mano Bleeding Edge (La cresta dell’onda), dopo un’adolescenza anni Novanta passata a leggere Pynchon, e riscoprire lo scrittore che ha dimostrato che la letteratura può esistere anche senza psicologia umana.

di Cristiano de Majo