Un film che vuole descrivere, con una lente da un lato intima e dall’altro truce, i due anni di occupazione islamica salafita dell’antica città del Mali. Uno sguardo inusuale ma originale e molto prezioso sulla figura del jihadista, vista da molto vicino.

di Nicola Bozzi