Cose che succedono | Attualità

Chi era XXXTentacion, il rapper di 20 anni ucciso a Miami

Ieri notte (negli Stati Uniti era pomeriggio) i suoi fan hanno inondato di commenti l’unica foto che appare sul suo profilo Instagram, domandandosi se XXXTentacion fosse ancora vivo e pregando ardentemente per lui. La prima notizia che si è diffusa online, infatti, annunciava soltanto che a Miami, alle 4 pm, due persone incappucciate a bordo di un Suv avevano sparato al rapper ventenne mentre usciva da una concessionaria di moto, e che il ragazzo era stato portato d’urgenza al pronto soccorso. Ma la notizia della morte di Jahseh Dwayne Onfroy (vero nome di XXXTentacion) non si è fatta attendere troppo.

Chi era Jahseh Dwayne Onfroy, il secondo giovanissimo rapper americano a morire nel giro di pochi mesi (il primo è stato il ventunenne Lil Peep, ucciso da un’overdose accidentale di Xanax e fentanyl il 15 novembre 2017)? Il Guardian ha provato a riassumere la sua breve ma travagliata storia, terminata per quello che, si pensa, sia stato un tentativo di rapina (gli assassini non sono stati identificati). Nato nel 1998 a Plantation, Florida, a 17 anni Onfroy aveva già avuto diversi problemi con la legge a causa del possesso di armi da fuoco, rapina a mano armata, possesso di Xanax. Era stato in un carcere minorile due volte, la seconda facendo notizia per aver picchiato un compagno di cella che, a suo dire, aveva tentato di approcciarlo sessualmente. Dopo il carcere la sua carriera ha iniziato a decollare grazie ad alcune tracce caricate su SoundCloud.

Ma la sua vita in libertà non è durata molto. Ormai maggiorenne, Jahseh viene di nuovo arrestato per aver picchiato brutalmente (e ripetutamente) la sua fidanzata incinta. Ed è proprio mentre è in prigione che che la sua fama cresce in maniera esponenziale. Quando torna a casa (ai domiciliari), inizia a registrare. Il suo ultimo disco, ?, uscito a marzo, si è posizionato immediatamente al numero 1 della classifica Billboard e ha ricevuto il plauso di Kendrick Lamar e Kanye West, che oggi ha twittato: «Non ti ho mai detto quanto mi hai ispirato quando eri qui, grazie per essere esistito».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

LOVE IS WAR

Un post condiviso da MAKE OUT HILL (@xxxtentacion) in data:

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.