Cose che succedono | Musica

Kim Gordon ha annunciato la data di uscita del suo primo album da solista

L’ha riportato Dazed: No Home Record è il titolo del primo album da solista di Kim Gordon, ex bassista e cantante dei Sonic Youth (dal momento del loro scioglimento nel 2011, Gordon ha avuto altri progetti musicali, come Body / Head e Glitterbust). Il primo singolo del disco che uscirà il 13 ottobre con Matador Records, storica indie label americana, è “Sketch Artist”. Nel video musicale diretto da Loretta Dahrenholz, Gordon interpreta la tassista di un’app chiamata Unter che gira per le strade di Los Angeles creando strane reazioni fisiche tra i giovani passanti. Gordon, 66 anni, è conosciuta anche per le sue aspirazioni artistiche e i contatti con il mondo dell’arte: Kim Gordon: Lo-Fi Glamour è il titolo della mostra in corso – fino all’1 settembre – all’Andy Warhol Museum di Pittsburgh. L’esposizione è la prima mostra personale dell’artista in un museo nordamericano e comprende dipinti, sculture, una nuova serie di disegni di figure e una colonna sonora commissionata per il film muto Kiss di Andy Warhol, datato 1963-1964.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Ma tornando al disco: è prodotto da Justin Raisen (Angel Olsen, Yves Tumor, John Cale, Charli XCX), è stato registrato allo Sphere Ranch di Los Angeles e prende il nome dal film di Chantal Akerman. L’album fa riferimento alle prime incursioni di Gordon nella produzione musicale nei primi anni ’80, quando registrava usando una chitarra, una batteria e alcuni testi ripresi dalle pubblicità sulle riviste. Le sonorità di “Sketch Artist” si distaccano sia da quelle di “Murdered Out”, il primo singolo da solista uscito nel 2016, sia dalla produzione dei Sonic Youth e fanno pensare a un album elettronico. L’artista e poetessa Elaine Kahn l’ha descritto come un esempio della «singolare capacità lirica di Gordon di fondere critica culturale, divulgazione e umorismo».

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.