Cose che succedono | Animali

In Australia c’è un gatto che ha seminato il terrore

La città di Mandurah, in Australia, è il luogo di residenza eletto da splendidi uccelli locali dall’elegante piumaggio bianco e nero: si tratta delle sterne delle fate o fraticelli australiani. Lì si trova la riserva dove vive questa specie, che ama solitamente stare alla larga dai luoghi abitati. Ma qualcosa ha turbato la quiete di questi docili animali: il loro mondo è stato oscurato dall’avvento del regno del terrore. Ed è tutta colpa di un solo gatto dal pelo bianco, che ha compiuto una vera e propria strage.

Come riporta l’Atlantic, che cita uno studio della biologa Claire Greenwell, in poche settimane il gatto bianco è riuscito a sterminare 6 uccelli adulti e 40 piccoli. È stata proprio Greenwell, insieme ad un gruppo di cittadini, a identificare l’assassino durante un appostamento notturno. Ma ormai era troppo tardi. L’intera colonia costituita da 220 esemplari ha dovuto cambiare domicilio.

La prima comparsa del gatto bianco risale al novembre dello scorso anno, quando è stato visto uscire dal santuario dopo aver seminato il panico fra i pennuti. Nei mesi seguenti, mentre venivano trovati piccoli corpi senza vita, squarciati al petto o alla gola, gli uccelli adulti aspettavano senza speranze il ritorno dei loro piccoli, racconta Greenwell. Negli ultimi tempi, il gatto era stato nuovamente avvistato dagli abitanti della città. Come nelle peggiori storie di cronaca, l’assassino è rimasto a piede libero per molto tempo. Ed è stata una telecamera (e la foto di un testimone) a incastrarlo.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.