Cose che succedono | Attualità

La gente che resta a dormire all’Ikea sta diventando un problema per l’Ikea

L’Ikea chiede cortesemente ai clienti che restano a dormire nei suoi negozi di piantarla. È da un po’ infatti che si sta diffondendo la moda di passare la notte all’Ikea, che del resto non manca di letti confortevoli e accoglienti: l’idea è nascondersi durante la chiusura (non mancano neanche gli armadi, all’Ikea), uscire quando tutti sono andati via e poi, beh, farsi un giro, utilizzando letti, divani, poltrone e via dicendo. Qualcuno ci riesce, qualcun altro viene beccato, alcuni si riprendono e mettono tutto su YouTube: il risultato sono video come questo o questo, oppure questo:

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Si tratta di un vero e proprio trend, ha dichiarato un portavoce dell’Ikea in Belgio, e basta farsi un giro sui motori di ricerca alla voce “Ikea challenge” per rendersi conto di quanto abbia ragione. In Belgio se n’è parlato dopo che una ragazzina di 14 anni era stata trovata mentre cercava, senza successo, di nascondersi per passare la notte. Anche per via dell’età, la ragazzina non ha subìto conseguenze, però questa cosa della gente che prova a restare in negozio sta cominciando a diventare un problema, ha spiegato il portavoce. Un altro dell’azienda ha invitato a smetterla con questo trend perché la società «non può garantire la sicurezza» dei chi pernotta a straforo. Due anni fa l’Ikea aveva organizzato insieme a Airbnb un’iniziativa pubblicitaria in ha invitato per una notte i clienti a dormire in negozio.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l'impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni