Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Operazione Marte

Nel 1943 i nazisti reclutarono veggenti dai lager per sapere dove fosse nascosto Mussolini. Sembra un film di Tarantino, ma forse è successo davvero.

Mussolini ResignsRoma, 25 luglio 1943, ore 17 circa. Benito Mussolini, sfiduciato poche ore prima dal Gran Consiglio, chiede udienza a Vittorio Emanuele III. «Io vi voglio bene», pare gli abbia detto il sovrano, «e ve l’ho dimostrato più volte difendendovi da ogni attacco. Questa volta però devo pregarvi di lasciare il campo». Il seguito è noto: uscito da Villa Savoia, Mussolini viene arrestato e fatto sparire. Lo si rivedrà solo il 12 settembre: un uomo in un cappotto troppo grande, l’espressione del viso che stona con quella del colosso soddisfatto che gli posa accanto. Il colonnello delle SS Otto Skorzeny, suo “liberatore”.

Sulle tracce di Mussolini i tedeschi si erano messi da subito, essendo l’unico fattore su cui ancora reggeva il fascismo italiano e, di conseguenza, l’Asse Roma-Berlino. Nel quadro tattico del momento – gli anglo-americani ormai padroni della Sicilia – la caduta di Mussolini poteva avere conseguenze catastrofiche. Il 26 luglio Hitler convoca dunque d’urgenza al quartier generale di Rastenburg, Prussia orientale, i principali collaboratori: il nuovo scenario italiano impone priorità immediate fra cui, necessariamente, ritrovare il Duce. Il prima possibile e con ogni mezzo. Anche mettendo sotto pressione i più noti sensitivi e occultisti del Paese, da rintracciarsi subito nei vari campi di concentramento in cui erano, per lo più, da un paio d’anni rinchiusi. Loro compito: rivelare il luogo di detenzione di Mussolini. Il nome in codice di questo strano tentativo fu, sembra, “Operazione Marte”.

Le fonti a riguardo non sono molte e neanche del tutto certe. Mi sono imbattuto la prima volta in questa storia grazie alle memorie private di un anziano reduce della Wermacht, l’ex tenente H. D., da me intervistato per altri motivi. In un dattiloscritto sugli anni della guerra, redatto ad uso familiare nel 1956, si leggeva: «Come trovare però Mussolini? Suona incredibile ma è autentico. Himmler dà avvio all’Operazione Marte, da tutti i campi di concentramento lascia prelevare veggenti, radioestesisti, indovini e ‘profeti’. Allestisce una villa nella città di Oranienburg e concede ai migliori fra loro la possibilità di ricevere ogni aiuto necessario all’individuazione del luogo dove si trova Mussolini. Il pendolo del più ‘affidabile dei veggenti’ indica una piccola isola sulla costa laziale”.

Nel materiale consegnatomi dal veterano c’era anche un articolo del settimanale Der Spiegel, tratto dal numero del 28/10/1968, dove la vicenda veniva in effetti ricostruita in termini analoghi. Il settimanale di Amburgo inoltre aveva già scritto in merito nel 1949 (29 settembre, N.40), in un lungo articolo dedicato ad Arthur Nebe: per anni capo della polizia criminale tedesca, poi accusato di contatti con gli ambienti legati all’attentato a Hitler del luglio ’44, giustiziato nel marzo ’45 dopo una fuga durata mesi. Riporto qui un brano dell’articolo del ’49: «I commissari della polizia tedesca dovevano passare al setaccio tutti i campi di concentramento alla ricerca di veggenti, occultisti, esperti di pendolino, chiromanti e altri simili praticanti di forze extrasensoriali. In seguito al viaggio di Rudolf Hess in Gran Bretagna, i più noti sensitivi del Paese erano stati rinchiusi perché Heinrich Himmler, lui stesso adepto del sovrasensibile, aveva assicurato ad Adolf Hitler che Hess poteva aver fatto quello che aveva fatto solo sotto l’influsso di arti divinatorie. Se dunque i sensitivi avevano avuto successo con Hess, ora avrebbero anche dovuto sapere dove si trovava Mussolini».

Infuriato per la “fuga” del suo vice nel maggio del ‘41, Hitler fece in effetti ricadere rabbia e responsabilità sui circoli esoterici tedeschi, di cui Hess era frequentatore assiduo e protettore. In giugno, a un mese dalla scomparsa di Hess, i più conosciuti occultisti di Austria e Germania vengono incarcerati. È un nuovo colpo contro l’esoterismo, che il regime ostacola fin dal ’33 e che pure con il nazionalsocialismo ha legami profondi, condividendone miti, ambienti, persone. Fin dall’inizio del secolo la Germania era stata colpita da una rinnovata passione per l’irrazionalismo, come si sarebbe detto un tempo. Durante la guerra, e ancor più dopo la sconfitta del ’18, si erano addensati culti d’impronta nazionalista. Vi si affermava l’origine semi-divina della stirpe germanica e la necessità di battersi a morte contro i nemici, alleati in un complotto internazionale. È il caso dell’ariosofia, che muove i suoi primi passi nel 1915, con Joerg Lans Liebenfels, e poi cresce a più vasta fama con Guido von List. Una temperie culturale che nel 1932 il filosofo Ernst Bloch descrive come il riemergere di una «Germania segreta», di una «casa madre sprofondata» che torna come «ribollente contenitore di passato». Una temperie culturale di cui erano imbevuti centinaia di ufficiali delle SS, che in gioventù avevano militato in uno dei tanti gruppi d’orientamento mistico-nazionalista. E molti gerarchi di prima grandezza come Hess appunto, Himmler, il capo del controspionaggio Walter Schellenberg, e lo stesso Hitler.

Nazi Rally

Paradigmatico è dunque il comportamento tenuto dal regime nei confronti dell’astrologia: da un lato oggetto di progressive misure restrittive che nel 1939 culminano con la messa al bando della Astrologische Zentralstelle, la più influente delle associazioni di settore. E dall’altro pratica divinatoria stimata e richiesta da varie figure centrali del potere nazista. Con il risultato quindi che molti dei sensitivi, spesso imprigionati nei cosiddetti “Arbeitslager für Spezialisten”, venivano tuttavia sollecitati a prestare, per così dire, servizio. Una collaborazione, si immagina, non priva di apprensioni. Il caso più noto è forse quello di Wilhem Th. Wullf, che nel 1944 diventò l’astrologo personale di Himmler. L’incarico che fornì a Wullf l’occasione di accedere agli ambienti più alti del potere nazista fu, a quanto pare, la partecipazione alla ricerca di Mussolini. A Wullf e al suo libro di memorie, uscito nel 1968 con il titolo Zodiaco e Croce uncinata. Un astrologo alla corte di Himmler, fanno riferimento entrambi i già citati articoli di Der Spiegel. Wullf afferma di essere stato parte in causa nella cosiddetta Operazione Marte e il suo libro di memorie ne è una delle due fonti principali.

Astrologo di fama negli anni ’20, imprigionato anche lui nel giugno del ’41, Wullf viene rilasciato dopo soli quattro mesi grazie ai molti estimatori delle sue previsioni, ritenute affidabili e richieste da vari esponenti del regime. Nel suo libro, in un capitolo intitolato “Nebe lascia cercare Mussolini da Wullf”, l’astrologo racconta di essere stato prelevato d’urgenza la mattina del 28 luglio ad Amburgo da due agenti della Gestapo, mentre era impegnato a sgombrare casa dopo l’ultimo bombardamento. Portato in macchina a Berlino, viene condotto alla presenza del capo della polizia criminale, Arthur Nebe, che lo accoglie amichevolmente offrendo sigari e cognac e lo esorta a mettersi immediatamente al lavoro per individuare il luogo dove si trova Mussolini. Scrive Wullf: «Esiste in effetti nella astrologia indiana un metodo che consente di effettuare questi calcoli e io stesso l’avevo usato più volte, nel mio laboratorio, quando si trattava di cercare persone scomparse. Per i miei computi avevo però questa volta solo poche ore. Nel pomeriggio dello stesso giorno potei comunicare a Nebe che Mussolini si trovava in un luogo a 75 chilometri circa a sud-est (sic!) di Roma. Successivamente si poté stabilire che i miei calcoli erano stati precisi. Inizialmente infatti Mussolini era stato portato sull’isola di Ponza, prima di esser trasferito in un’altra isola e infine nascosto sul Gran Sasso, negli Abruzzi. Al momento dei miei calcoli però si trovava sull’isola di Ponza». Sembra che anche Nebe, con l’occasione, diede a Wullf le proprie coordinate di nascita, falsificando il nome, per avere un responso sul futuro. Non fu positivo. L’oroscopo lasciava prevedere un distacco dalla vita drammatico, gli ultimi tempi spesi a nascondersi da un posto all’altro, in estrema indigenza, fino ad un esito tragico. Pare che il capo della polizia criminale ne restò turbato.

«Visto che le due testimonianze si completano pur senza entrare nel dettaglio, riterrei l’intera vicenda credibile»

Oltre a quella di Wullf, l’altra testimonianza disponibile sulla vicenda è contenuta nel libro di memorie di Walter Hagen, pseudonimo del colonnello delle SS Dr. Wilhelm Höttl, Operazione Bernahrd, Un resoconto storico sulla maggior produzione di denaro falso di tutti i tempi, del 1955. Qui, dopo aver riferito, in termini analoghi a quelli usati dallo Spiegel e da Wullf, dei sensitivi prelevati nei vari campi di concentramento, Hagen/Höttl aggiunge: «Ora una quarantina di loro vennero rimessi in servizio attraverso “l’operazione Marte” e riuniti in una villa al Wansee strettamente sorvegliata… L’amministratore della villa dove erano rinchiusi gli occultisti lo conoscevo bene. L’edificio veniva usato dall’Ufficio di sicurezza del Reich come luogo di residenza per ospiti particolari […] Agli occultisti, in caso di successo, era stata promessa la libertà e cento marchi».

Qualche altro dettaglio è aggiunto da Der Spiegel, un riferimento alla vicenda è contenuto anche nel libro dello statunitense Peter Levenda, Unholy Alliance, ma le fonti principali restano Wullf e Hagen/Höttl. Abbiamo perciò chiesto a due storici di professione, e di diversa estrazione, quanto affidabili siano a loro avviso queste testimonianze. Ci siamo inizialmente rivolti a Franz Wegener, studioso di storia dell’occultismo, autore, fra le altre cose, di un libro intitolato Franz Tausend. L’alchimista, dove la testimonianza di Hagen sull’Operazione Marte viene citata in nota. Raggiunto telefonicamente e via mail, Wagener ha risposto così a Studio: «Dal momento che il Dr. Wilhelm Höttl, colonnello delle SS, era un insider, direi che la sua testimonianza è da ritenersi più affidabile di quella di Wullf. Visto poi che le due testimonianze si completano pur senza entrare nel dettaglio, riterrei l’intera vicenda credibile. D’altra parte il committente, cioè Heinrich Himmler, era un dichiarato fedele dell’occulto».

Mussolini LiberatedSimile, nella sostanza, anche la risposta del professor Hans Woller, docente di storia contemporanea all’Università di Monaco e autore di una dettagliata biografia su Mussolini. «Sì, ho sentito parlare anche io di questa vicenda ma onestamente non saprei dire se le cose sono andate davvero così. Senza dubbio i tedeschi hanno cercato Mussolini con ogni mezzo, perché senza di lui un ritorno del fascismo italiano sarebbe stato impossibile. Ed è vero che l’impiego di metodi esoterici per ricerche simili non è cosa nuova, mi pare sia stato fatto in tempi più recenti anche nel caso del rapimento di Aldo Moro e forse anche per quello di Hanns Martin Schleyer, in Germania. Infine si sa che nella cerchia di Himmler c’erano persone che a questi temi erano molto sensibili».

Alla fine Mussolini venne rintracciato per vie tradizionali e molto terrestri: l’Operazione Marte lascia il posto all’Operazione Quercia. Il buon esito dell’impresa si deve molto probabilmente al lavoro dello spionaggio tedesco, guidato a Roma da Herbert Kappler. E forse, alla fine, anche alla garanzia da parte italiana che sul Gran Sasso non vi sarebbe stata resistenza. La mattina del 12 settembre dieci alianti carichi di paracadutisti della Wehrmacht al comando del maggiore Harald Mors, vero responsabile dell’azione, e di sedici soldati delle SS guidati da Skorzeny, planano davanti a Campo Imperatore. L’evento è fotografatissimo, Berlino vuole sfruttare al massimo il successo d’immagine della “liberazione del Duce”. L’esoterico Himmler si dedica quindi al piano mediatico e, anche grazie al talento di Skorzeny per l’autopromozione, fa di quest’ultimo, colonnello delle sue SS, il “vero” liberatore di Mussolini. Mors, che si troverà a protestare per la falsificazione degli eventi, è bruscamente spedito sul fronte russo. Quanto ai cittadini tedeschi, è solo nel giubilo della liberazione del Duce che avranno modo di apprendere come egli fosse stato anche, in precedenza, arrestato.

 

Immagini Hulton Archive/Getty Images.
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg