Cose che succedono | Arte

È nato il primo teatro su Zoom e si chiama Eschaton

«Il link raggiunge la mia casella di posta pochi minuti prima delle 22:00 di sabato sera. Faccio clic sul collegamento e inserisco una password. Ed esattamente alle 22:00, un video appare sulla pagina, dandomi il benvenuto in Eschaton: in parte performance art, in parte night club, tutto condotto tramite chat video. Durante l’ora successiva, mi imbatto in una dozzina di “passphrase” che mi permettono nelle molte stanze di Eschaton, ognuna lanciata come riunione Zoom con un host diverso. C’è la stanza in cui un uomo travestito da topo legge tranquillamente in un angolo, fermandosi di tanto in tanto a fissare il pubblico, e la stanza con una donna che esegue un numero di cabaret in quello che sembra un angusto appartamento di New York», così Adi Robertson ha descritto Eschaton, il teatro virtuale aperto nel corso della pandemia, su The Verge.

Si tratta della trasposizione online del teatro immersivo reso popolare da progetti come Sleep No More (un adattamento creativo di Macbeth che si svolge in diverse stanze di un grande hotel in cui gli ospiti vagano, osservano e occasionalmente partecipano). Due persone che partecipano allo stesso spettacolo potrebbero finire per vederne una versione completamente diversa, e alcuni fan tornano ancora e ancora alla ricerca di nuovi dettagli. La pandemia ha ribaltato questo tipo di performance e gli attori stanno dando forma a eventi virtuali.

Non è la prima volta che il teatro immersivo approda online. Secondo Robertson, però, Eschaton restituisce un’attenzione agli spazi molto diversa da una produzione teatrale pre-pandemica. Quasi tutti – per necessità – si esibiscono da soli. Le interazioni private dello spettacolo sembrano portare gli attori nel mondo reale, piuttosto che trascinarti in uno spazio ultraterreno. In più, sottolinea Robertson, la misteriosa inquadratura da nightclub e gli elementi ipertestuali conferiscono un’atmosfera fortemente retrofuturista. «Mentre gli spettacoli di persona si sono spostati negli spazi digitali, la vita pubblica americana ha iniziato ad assomigliare al sogno della febbre di un teorico dei media digitali degli anni ’90, ed Eschaton si adatta perfettamente a quel clima. Eschaton aggiunge un gloss da film cyberpunk degli anni ’90, che si svolge in una nuova realtà in cui un night club di chat video nebulose può davvero sostituire la sua controparte nella vita reale». Per entrare nel night club i partecipanti acquistano un biglietto, sono incoraggiati a vestirsi per “una serata in città” e a bere qualcosa, da soli o con gli amici. L’esperienza riproduce anche la strana intimità delle chat video di gruppo. Non puoi sentire il calore corporeo di un altro visitatore, ma puoi vedere tutti gli altri nella parte superiore dello schermo Zoom, molti con i loro nomi completi in mostra e le loro telecamere attive.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.