Cose che succedono | Attualità

Cosa dicono (di brutto) dei padri le ricerche su Google

Le funzioni di autocompletamento di Google, com’è noto, si basano su ciò che viene scritto più frequentemente nella barra di ricerca, suggerendoci ciò che hanno già cercato gli altri. Gizmodo ha notato che scrivendo le parole “my dad” (mio padre), oppure “i think my dad” (penso che mio padre..), il motore di ricerca spesso riporta frasi negative, o direttamente inquietanti. Ad esempio, aggiungendo una semplice “k” il primo suggerimento diventa “I think my dad killed my mom” (penso che mio padre abbia ucciso mia madre), seguito dal più innocente “penso che mio padre sappia che ho fumato erba”, dall’ugualmente fosco “penso che abbia ucciso qualcuno” e da “penso che sappia che sono gay”.

Aggiungendo altre lettere alla base di partenza, peraltro, i suggerimenti sono ugualmente negative:  “Penso che mio padre mi abbia molestato”, “penso che possa essere gay”, “penso che possa suicidarsi”, “penso che mi odi”, “mio padre si comporta come un bambino”, “penso che tradisca mia mamma”.

Facendo la stessa ricerca con la versione italiana di Google, i risultati non sono migliori, ad esempio:

schermata-2016-11-22-alle-11-06-49

schermata-2016-11-22-alle-10-25-44

schermata-2016-11-22-alle-10-25-09

schermata-2016-11-22-alle-10-26-32

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni