Cose che succedono | Attualità

Il video della Bbc sulle casalinghe dell’Isis è di cattivo gusto?

La Bbc ha realizzato un video satirico sulle donne dell’Isis, provocando qualche reazione indignata. Lo sketch, pubblicato sulla pagina Facebook dell’emittente britannica, richiama le notizie, uscite sui media negli ultimi anni, di ragazze occidentali, anche giovanissime, che sono scappate di casa per andare in Siria e sposare terroristi dello Stato islamico dopo essersi radicalizzate su Internet: le quattro ragazze parlano con accento britannico e raccontano di avere incontrato  i loro mariti online.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Intitolato “Real Housewives of Isis”, è una parodia, come suggerisce il titolo, della popolare serie di reality show che mostrano le frivolezze, o presunte tali, delle casalinghe in vari posti, incluse località esclusive (The Real Housewives of Orange County, The Real Housewives of Beverly Hills, eccetera). Infatti le quattro protagoniste discutono giulive di quale velo integrale indossare, due di loro bisticciano perché hanno la stessa cintura esplosiva, mentre un’altra racconta con nonchalance di essere rimasta vedova sei volte perché i suoi mariti continuano a farsi saltare in aria.

Il video fa parte di una serie intitolata “Revolting”, il cui obiettivo è fare satira su argomenti di attualità. Secondo quanto riportato al-Jazeera, è stato criticato da più parti. Il comico musulmano Faraz Ali l’ha accusato di essere «di cattivo gusto» perché «capitalizza sulle sofferenze di queste giovani donne» che «sono molto giovani, spesso minorenni, e lasciano il Regno Unito dopo avere subito un lavaggio del cervello». Atri hanno accusato l’emittente di avere sfruttato uno stereotipo trito delle donne musulmane come sottomesse e fan del terrorismo.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.