Attualità

Creazionisti all’attacco

Altro che Pussy Riot: le ultime proteste a fare scalpore in Russia sono contro le teorie darwiniane.

di Luigi De Biase

Questa cosa è accaduta a Mosca pochi giorni fa. Un gruppo di ortodossi è entrato nella sala principale del museo Darwin con cartelli e qualche striscione, ha messo paura alla vecchia signora all’ingresso e ha denunciato le nefandezze morali dell’evoluzionismo, la teoria, per dirla in poche parole, secondo la quale l’uomo e la scimmia hanno moltissime cose in comune. Sembra che gli ortodossi appartengano a Bozhaya Volya, un movimento religioso che è abbastanza attivo in Russia. Naturalmente questi giovani non hanno molta passione per le tesi di Darwin, quindi sono entrati al museo di storia naturale che porta il suo nome per ricordare che è stato Dio a creare il mondo. Uno si è anche arrampicato in cima al tetto per appendere uno striscione. Si vede tutto in un filmato che è su YouTube. “Evoluzionisti, non avete scampo”  ha scritto uno di Bozhaya Volya qualche ora più tardi, usando un account Twitter,  “nell’ anno 7522 dalla creazione del mondo, ci siamo ripresi il museo Darwin”. Sarebbe anche una cosa simpatica, non fosse che in Russia questo genere di azioni diventano ogni giorno più frequenti. Sempre questa settimana, ma a San Pietroburgo, alcuni manifestanti hanno impedito che una galleria d’arte ospitasse una mostra dedicata a Lolita, il famoso libro di Vladimir Nabokov. Alle Pussy Riot è andata decisamente peggio.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Nella foto, una vecchia immagine del museo a Mosca

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l'impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni