Attualità | Coronavirus

Chiara Ferragni, principessa del popolo

Durante la pandemia l'influencer si è dimostrata un personaggio pubblico encomiabile, che ormai ha molto più a che fare col cuore della gente che con la moda.

di Clara Mazzoleni

Dal profilo Instagram di Chiara Ferragni (Spaghetti in my party dress ? #supplied)

L’ultimo post pubblicato su Instagram è un video in cui Chiara Ferragni, altissima (soprattutto in confronto a suo marito), estremamente goffa, quasi completamente priva di lato B (per i canoni estetici del 2020 è senz’altro un difetto) tenta di ballare Savage, una delle hit diventate virali su TikTok ormai da un bel po’, chiedendo aiuto alle star Charlie D’Amelio (15 anni) e Addison Rae (19 anni). Il balletto dei coniugi è cringe, ovviamente (anche se Fedez non si muove poi così male), buffo in quel modo grazioso e leggero che a loro due viene così bene (un altro esempio veloce? Video brevissimo: Chiara con la faccia pasticciata ad arte con tatuaggi, baffi e barba, e didascalia di Fedez: «Gli effetti della quarantena: 1 mese senza estetista e scopro di aver sposato Post Malone»). Ma forse, in realtà, gli ultimi video della coppia non sono poi così diversi da quelli che facevano prima (di sicuro risentono – in positivo – dell’assenza dell’amico di famiglia Luis Sal, con il suo campionario di sonorità moleste da ragazzino delle medie e le sfide cretine). Forse, mi dico, se continuo a riguardarli e a sorridere piena di gratitudine (io e altri svariati milioni di persone), mentre prima trovavo le loro scenette po’ irritanti, è anche perché, come tutti, ho iniziato a considerare Chiara Ferragni una specie di patrimonio nazionale.

Ce lo riconoscono anche da fuori: il 12 marzo, l’Evening Standard ha pubblicato un articolo con il titolo: “In praise of Chiara Ferragni, who brought new meaning to the word ‘influencer’ in the coronavirus pandemic”, che sottolineava come la nostra Ferragni non abbia avuto alcun timore nel contraddire pubblicamente Kendall Jenner e altre star, criticate per la superficialità con cui hanno continuato a utilizzare il loro account nel momento dell’esplosione della pandemia per sponsorizzare i loro prodotti o, ancora peggio, minimizzando e lanciando messaggi sbagliati, come ha fatto Vanessa Hudgens (immediatamente bacchettata anche lei). Ferragni ha iniziato a condividere selfie in tuta e hashtag #iorestoacasa dal suo account con i suoi quasi 20 milioni di follower ben prima del lockdown del 9 marzo, invitando i suoi fan a non essere egoisti e pensare invece al bene di tutti.

A differenza di molti altri personaggi pubblici, che si sono fatti prendere dall’ansia di esprimersi e hanno pubblicamente sottovalutato il virus, trasformando un tweet o una stories un po’ frettolosi in maestose figure di merda, Ferragni questa volta ha avuto la sensibilità di captare la gravità di quello che stava succedendo, e mettersi fin da subito nella posizione giusta, per poi sganciare la bomba: la campagna di crowdfounding che ha permesso di costruire in tempi record il nuovo reparto di terapia intensiva dell’Ospedale San Raffaele di Milano, un successo che ha messo tutti a tacere. Cioè, non proprio tutti, a dire il vero: c’è chi dal divano con cui ormai forma un tutt’uno è riuscito a criticarla anche per questo. Alcuni commentatori hanno chiesto, scettici: perché proprio il San Raffaele, un ospedale privato? Cosa c’è sotto? Non va bene, bisognava fare così e cosà. Dopo aver comunicato i loro illuminanti consigli, gli esperti di beneficenza e ospedali e donazioni milionarie (tra cui figurava anche Heater Parisi) si sono ben presto dispersi, passando alla polemica successiva, reinventandosi specialisti di qualcos’altro. Quello che è rimasto sono i 4 milioni di euro raccolti dai Ferragnez, e le vite salvate con quei soldi.

I tempi in cui Chiara Ferragni, Fedez e un selezionato gruppo di invitati si lanciavano i broccoli e le mele e facevano gare di carrelli in un supermercato aperto appositamente per la strana festa, riempiendo di sdegno il popolo italiano, sembrano più lontani che mai. Archiviate le critiche per l’ostentazione del piccolo Leone. Oltrepassata l’iniziativa della lista nozze trasformata in campagna di beneficenza organizzata in occasione del matrimonio, una specie di flop che nessuno ha più capito come si sia concluso. Ferragni, ormai l’abbiamo capito, è una donna determinata. La filantropia scorre nelle sue vene come la passione per il fucsia: ci ha riprovato, l’ha fatto nel momento giusto e ce l’ha fatta. Anche l’iniziativa caciarona dei concerti dal balcone organizzata da Fedez ogni giorno alle 18 – per la goia degli sventurati abitanti di CityLife – si è interrotta al momento giusto: una scelta doverosa ma non così scontata, che ha dimostrato una certa sensibilità. La sera del 15 marzo, la diretta è stata seguita da 1,2 milioni di persone. Dopo quella del 19 marzo, con il tenore Andrea Boccelli e suo figlio Matteo, Fedez ha deciso di sospendere l’appuntamento con una comunicazione: «Nel rispetto delle numerose vittime di questi giorni le dirette dal balcone si prendono una pausa».

L’aveva dimostrato col successo mediatico del matrimonio, l’ha confermato con il glorioso crowdfounding, un’operazione degna di passare alla storia: il suo personaggio si è evoluto, e con la moda, ormai, c’entra ben poco (gli esperti di moda possano tirare un sospiro di sollievo). Chiara Ferragni e suo marito Fedez sono i nostri royals: patriottici, nazionalpopolari, filantropici, anche un po’ bacchettoni (l’ultima sgridata ai runner che continuavano ad allenarsi imperterriti per le strade di Milano). Ecco svelato l’enigma di Chiara Ferragni: un rompicapo che ci tormenta da anni e che il brutto ma godibilissimo documentario Ferragni Unposted non ci aveva aiutato a risolvere. La moda era il mezzo e non il fine ultimo. In questi anni di lavoro Chiara Ferragni ha dato forma alla sua speciale versione di “principessa del popolo”. La sua, però, è una variante completamente priva di ombre, proprio perché se l’è costruita lei stessa, e con cura, scrivendo di suo pugno le regole del gioco.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.