03/09/2012 In breve

Kurt Vonnegut, casalingo

Stampa

Nel 1947 Kurt Vonnegut stipulò con sua moglie Jane, allora incinta del loro figlio, un contratto in cui prometteva di badare alle faccende di casa con precisione e abnegazione a patto che la partner, stanca e dolorante per la gravidanza, stesse a riposo e – soprattutto – «non rompresse le scatole, gridasse o disturbasse in qualsiasi modo» il compagno. Il bizzarro accordo conferma la genialità del vecchio Kurt anche nei momenti più intimi e privati, ed è stato pubblicato da Harper’s come estratto da Kurt Vonnegut: Letters, un libro di nuova uscita che raccoglie lettere e altri documenti del geniale scrittore Usa.

Tra le promesse contenute nel documento, per esempio, quella di «dare una pulita ai pavimenti del bagno e della cucina in un’ora e un giorno scelti da me» e di evitare di dire cose come «”Shit”, “Goddamn sonofabitch” e altre volgarità del genere poiché un tale linguaggio è esasperante da sentire in casa».

Qui potete leggere l’originale per intero. Ne vale la pena.