Una nuova dimensione estetica: come apprezzare (e perché) le scritte orrende e senza senso che riempiono le nostre città, seguendo l’esempio della fanzine “specializzata” Graffail.

di Pietro Minto