Cose che succedono | Cronaca

È stato ritrovato il biglietto di San Valentino più antico del mondo

Lo ha scritto un uomo innamorato, che l’ha spedito a Miss L. Shafe il 14 febbraio 1818: è suo il biglietto di San Valentino più antico al mondo di cui si ha conoscenza. La lettera è stata infatti recentemente ritrovata dopo essere rimasta tra le pagine di un album per quasi 20 anni, acquistata per caso a Londra dal signor Gavin Littaur, rimasto colpito dalla dedica, che poi l’ha segnalata ai media britannici quando si è accorto di quanto fosse vecchia. Come segnala l’Independent, la lettera è decorata a mano con cuori, fiori e nastri ed è stata spedita a White Row a Spitalfields, Londra, con la dicitura: «Un affettuoso e genuino pegno d’affetto».

Londra, 1818

Nelle righe seguenti, continua così: «Da colui che, con l’arrivo di un altro San Valentino, attende con piacere il momento in cui le sue speranze potranno realizzarsi; così che sull’altare riceverà la mano e il cuore di lei, per la quale prova, non un amore selvaggio e romantico, che si attenua dopo una breve conoscenza, ma un affetto che il tempo aumenta piuttosto che diminuire».

Nel presentare la lettera alla South West News Agency, il proprietario ha spiegato: «L’ho acquistata solo perché sono un romantico, e pensavo che rileggerla mi avrebbe fatto sempre commuovere. Ed è così» Tuttavia, Littaur ha aggiunto che ora ha deciso di mettere all’asta il biglietto, in modo che altre persone possano goderselo. Jim Spencer, di Hansons Auctioneers, che si occupa della vendita, ha dichiarato: «È un messaggio di San Valentino degno di un romanzo di Jane Austen. È formale, onesto e onorevole. Molto diverso da tutto ciò che vediamo oggi».

 

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.