Cose che succedono | Attualità

Quello che c’è da sapere (e da leggere) su Gilad Shalit

Questa mattina la notizia ha aperto i telegiornali: dopo cinque anni di prigionia, e molti tentativi falliti di negoziato, il soldato israeliano Gilad Shalit è libero. Hamas, movimento radicale palestinese costola dei Fratelli Musulmani nati in Egitto, ha accettato di liberarlo in cambio della scarcerazione di oltre mille militanti arabi detenuti nelle prigioni israeliane. Visto che Hamas e Israele non si parlano, l’accordo è stato raggiunto con una trattativa indiretta, avvenuta grazie alla mediazione dell’Egitto.

Al di là della notizia in sé, secondo molti analisti, il risultato della trattativa è indice di un cambiamento radicale negli assetti mediorientali. Per dirla in parole povere: Hamas ha scaricato la Siria e l’Iran e ha trovato una nuova protezione in Egitto.

Non è questa la sede per un’analisi approfondita di un argomento così complesso. Ma segnaliamo due letture interessanti a questo proposito. L’articolo di Daniele Raineri apparso oggi sul Foglio (qui), e quello dell’ex vicesegretario di Stato americano Martin Indyk su Foreign Policy (qui).

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l'impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni