Cose che succedono | Attualità

Il costo economico di una catastrofe

Cosa accadrebbe se la borsa di Taipei venisse colpita da un crollo del mercato? E se New York subisse un cyber-attacco? Quale sarebbe il costo economico di una pandemia a Hong Kong?
Il Lloyd City Index 2015-2025 ha risposto a queste domande stilando una classifica delle città il cui Pil sarebbe più colpito da catastrofi naturali o causate dall’uomo. Sono state prese in considerazione 301 città, selezionate per la loro grandezza e l’ammontare dei loro asset, finanziari e non.

Il rapporto si basa su casi studio di eventi che hanno arrecato considerevoli danni economici ai paesi che li hanno subiti, come il default argentino o il disastro nucleare di Fukushima del 2011. Vengono quindi individuate 18 tipologie di minacce: dai terremoti alle esplosioni vulcaniche, dagli attacchi terroristici alle crisi petrolifere o ai crolli del mercato. Proprio questi ultimi sono stati classificati come i più pericolosi.

Con il dataset della ricerca, Louis Alexander Doré ha realizzato una mappa interattiva per le prime venti città in classifica, che mostra il totale (in miliardi di dollari) di Pil locale a rischio in ogni centro urbano, considerata la somma delle minacce a cui è esposto.

Come riportato dall’Independent, in caso di crollo del mercato lo studio stima una potenziale perdita per il Pil mondiale di 1.05 milioni di miliardi di dollari. Numero di gran lunga superiore ai danni dal secondo evento più rischioso in classifica, la pandemia. L’evento meno preoccupante per l’economia globale pare essere invece lo tsunami.

Schermata 2015-09-14 alle 11.47.09

In testa alla classifica ci sono tre città asiatiche (Taipei, Tokyo, Seoul) mentre tra le europee la più esposta è Istanbul al settimo posto. New York è quinta.
La ricerca, che si basa su uno studio dell’Università di Cambridge, sottolinea poi come oltre il 91% del totale del Pil mondiale a rischio sia tale a causa di sole 10 città, evidenziando anche come le economie emergenti siano quelle che hanno più da perdere e come la globalizzazione abbia ampliato l’effetto di alcune minacce – la cyber-guerra e le tempeste solari, ad esempio.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l'impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni