Cose che succedono | Musica

È morto il rapper americano Juice Wrld

Sarebbe stato un attacco epilettico a causare la morte del rapper statunitense Juice Wrld, domenica 8 dicembre all’aeroporto di Chicago Midway dopo essere sbarcato da un volo proveniente dalla California. Come riporta la Cnn, la morte di Jarad Anthony Higgins, vero nome dell’artista, è ora oggetto di indagine da parte della polizia dell’Illinois, al fine di accertarne le cause, poiché «non risulta ci fossero situazioni particolari, di droga o altro, a bordo dell’aereo», come ha dichiarato il portavoce della polizia Anthony Guglielmi.

Nato a Chicago ventun’anni fa, il rapper aveva conquistato la popolarità nel 2018, grazie al singolo “All Girls Are The Same”, per poi scalare le classifiche con “Lucid Dreams”, con cui aveva attirato l’attenzione delle etichette discografiche e raggiunto la seconda posizione nell’elenco stilato da Billboard Hot 100, il più importante per l’industria discografica americana. «Juice Wrld ha avuto un impatto incredibile sul mondo della musica, e in così poco tempo», ha comunicato l’etichetta dell’artista, Interscope Records, in una nota, mentre altri artisti hanno espresso il proprio rammarico. «Odio svegliarmi sentendo che un’altra bella storia è stata interrotta troppo presto», ha scritto Drake su Instagram, mentre Ellie Goulding, con cui Juice Wrld aveva collaborato per la canzone “Hate me” all’inizio di quest’anno, ha scritto: «Eri un’anima dolce che aveva ancora molto da darci».

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.