Cose che succedono | Coronavirus

La regione di Madrid potrebbe presto sorpassare la Lombardia come zona a più alto contagio

Ricavare un senso dai dati che ci arrivano sul diffondersi della pandemia causata dal Coronavirus è, in questo momento, molto difficile ma comunque fondamentale, pur tenendo conto della discussione sulla parzialità di quegli stessi dati (si inizia a parlare, ad esempio, di contagi “tracciati”, implicandone quindi molti non tracciati e in Italia anche sui morti, soprattutto a Bergamo, si può fare un discorso simile). Secondo il Financial Times, ci sono ancora molte cose da chiarire sull’incremento dei contagi e relativo tasso di mortalità, a partire dalle differenze che stanno venendo fuori da Paese a Paese via via che il virus si fa strada per il mondo.

Il grafico del Financial Times che mostra la progressione di decessi e contagi in Spagna e Italia

Scrive infatti il Ft che «l’epicentro del Coronavirus è ora l’Europa, con il maggior numero di casi confermati in Italia, e il bilancio delle vittime cresce più rapidamente in Italia e Spagna rispetto a quanto accaduto in Cina nella stessa fase dell’epidemia». Questo è un dato che impensierisce gli analisti e su cui ci concentreremo sempre di più una volta passata la fase emergenziale: «Alcuni Paesi e un piccolo numero di singole regioni sono state maggiormente investite dall’effetto del virus. La Lombardia ha eclissato Wuhan come la regione più colpita al mondo, e in Spagna Madrid potrebbe presto superare anche quella». La Spagna ha in comune con noi l’alto tasso di mortalità – in Italia gli ultimi dati contano 63.927 contagi e 6.077 decessi, in Spagna, che è indietro rispetto a noi di circa 10 giorni, ci sono a tutt’oggi 35.136 contagi e 2.311 morti. Gli Stati Uniti, invece, potrebbero superarci presto in progressione dei contagi ma per ora hanno una mortalità decisamente contenuta. Qualcosa di simile succede anche in Germania dove, come scrive il Guardian, la bassa mortalità sta facendo interrogare gli esperti.

Nella maggior parte dei Paesi occidentali il numero di casi di contagio sta aumentando di circa il 33% al giorno: un segno, sempre secondo il Ft, che altri Paesi potrebbero presto trovarsi nella situazione dell’Italia. È ancora troppo presto per individuare con chiarezza i fattori che determinano questi scarti tra i numeri ufficiali, tanto più lampanti se si guarda a quelli che provengono dai Paesi asiatici, Cina e Corea del Sud in primis. Se, per quanto riguarda la Cina, è legittimo prendere i dati ufficiali con le pinze, il modello Corea del Sud ha fatto molto discutere per la tempestività e risoluzione delle misure, come racconta il New York Times. In campo ci sono fattori culturali, esistenza o meno di protocolli sulle emergenze come le epidemie e immediatezza decisionale: ci metteremo molto tempo a chiarire tutti questi aspetti.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.