Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Le lingue di NY e Londra (e dei loro tweet)

Mappare linguisticamente una città attraverso il suo uso dei social network. È il progetto di James Cheshire, Ed Manley e John Barratt, che hanno raccolto 8,5 milioni di messaggi Twitter geo-localizzandoli su una cartina della Grande Mela e su quella della capitale inglese. Il campione di tweet è molto ampio, e spazia dal gennaio 2010 al febbraio 2013. Ne sono venute fuori queste mappa caleidoscopica, in cui ogni nube colorata rappresenta un gruppo linguistico: a New York, Manhattan è decisamente la zona con la maggior concentrazione di gruppi di non-inglesi, o almeno, “non-twittanti inglesi”. Per quanto riguarda Londra le “luci linguistiche” sono più omogenee, e si nota la presenza di gruppi che a NYC non sono così diffusi (arabi, su tutti). Qui di seguito, due screenshot delle mappe, che sono visitabili (e interattive) qui: Londra e New York.

New York:

 

Londra:

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg