Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La classe media e l’arte del sorpasso (nel 2020)

Secondo recenti proiezioni dell’Ocse il 2020 sarà l’anno del sorpasso. Ovvero sei i Paesi del Brics (Brasile, India, Cina e, non si capisce perché ma c’è pure lui, il Sudafrica) continueranno a crescere con i ritmi attuali, presto la classe media sarà la maggioranza della popolazione mondiale. In altre parole si passerà da una economia globale in cui la maggioranza della popolazione versa attualmente al di sotto della soglia di povertà, a una in cui la classe media non sarà più una minoranza.

A questo punto, resta da chiedersi come si definisce la classe media, visto che si tratta di un concetto che cambia in base alle varianti temporali e geografiche. A questo proposito il Christian Science Monitor offre qualche spunto breve ma interessante.

But even comparing the relative value of salaries is complicated. If you earn $100 a day in China, where dinner costs $5, how does that compare with a Brazilian who only earns $20 but can fill up on a $2 meal? To even out the numbers, economists use purchasing power parity (PPP), which is basically how much $1 will buy in that country. But even then, economists can’t agree. Some define the middle class as those who spend as little as $2 a day in PPP terms; others go as high as $100 a day.

What’s important is how the purchases, perspectives, and pressures of this loosely defined global class are shaping the future.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg