Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Perché le uova hanno quella forma

Di cosa parliamo quando parliamo di uova? Di un uovo di gallina, di solito. Ma sbagliamo, ci ricorda un pezzo uscito sull’Atlantic, perché ampliando lo sguardo sulle altre specie di uccelli l’ellisse a cui siamo abituati è in minoranza: i colibrì fanno uova simili a Tic Tac, i gufi sfere quasi perfette e gli scolopacidi uova coni che finiscono in un’estremità arrotondata. Mary Caswell Stoddard, studiosa di ornitologia all’università di Princeton, ha esaminato la produzione ovipara di più di 1400 specie per stabilire che la forma più comune di uovo è molto più appuntita che arrotondata.

UAE-ENVIRONMENT-BIRD

Finora nessun ricercatore era riuscito a capire per quale motivo le uova assumono forme diverse a seconda della specie di riferimento: tra le teorie spiccava quella secondo la quale le estremità aguzze impedirebbero alle uova degli uccelli che nidificano nei siti più impervi di scivolare, ad esempio. In realtà, un biofisico di Harvard, L. Mahadevan, ha definito gli unici due criteri rilevanti nella catalogazione delle uova, sono quanto sono asimmetriche, e quanto sono ellittiche. Analizzando il grande corpus di dati in loro possesso, Stoddard e Mahadevan hanno scoperto che le uova più asimmetriche ed ellittiche presenti in natura sono quelle degli uccelli più abili nel volo. E che, addirittura, esiste una correlazione tra l’apertura alare di un uccello e la forma delle sue uova.

Il pattern è riscontrabile anche tra uccelli della stessa famiglia di specie: il colibri sa volare, ad esempio, ma il rondone – un suo parente stretto – ha sviluppato meglio questa facoltà, e le sue uova hanno estremità più appuntite; i gufi fanno uova sferiche, è vero, ma le specie di gufo più adattate al volo, come il barbagianni, hanno uova di forma più ellittica. La spiegazione a cui sono giunti i ricercatori è che si tratti di un’evoluzione che ha interessato l’ovidotto degli uccelli che volano meglio: dovendo snellire i loro corpi per agevolare il compito, queste specie devono togliere spazio ai loro organi interni, compreso quello dove si formano le uova. Evolutivamente, il problema in alcuni casi è stato aggirato formando uova dalla forma più allungata.

Immagini Getty Images

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg