Cose che succedono | Attualità

Contro i siti porno: legge d’Egitto

Il precedente regime di Hosni Mubarak bloccava l’accesso ai social media. Adesso il primo parlamento democraticamente eletto d’Egitto vuole bloccare i siti porno. La proposta arriva da Al Nour, letteralmente “la luce,” il partito islamista di ispirazione salafita che conta il 25 per cento dei seggi (se non avete presente chi sono i salafiti, vi basti sapere che al confronto i Fratelli Musulmani sono dei liberali popperiani).

Il sito del quotidiano Al Ahram (“le piramidi”) riferisce che la proposta di legge ha buone possibilità di essere approvata da un Parlamento dominato dai partiti islamici: insieme i Fratelli Musulmani e i salafiti controllano quasi i tre quarti dei seggi.

Potete seguire l’evoluzione della notizia su Twitter all’hashtag #EgyPornBan.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l'impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni