Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Elena Ferrante, e adesso?

Il principio follow the money per svelare l'identità della scrittrice: è naturale che ci fosse la curiosità di svelarla, ma non tutte le cose naturali sono buone.

«I romanzieri combattono sempre contro questo furore biografico impersonato, secondo Marcel Proust, da Saint-Beuve che dichiarava: “La letteratura non è distinta, o almeno non è scindibile dal resto dell’uomo”». Una prima analisi dello “svelamento” dell’identità di Elena Ferrante, avvenuta pubblicamente il 2 ottobre 2016, è ne I testamenti traditi, e l’ha scritta, nel 1992, Milan Kundera.

A differenza dei tentativi precedenti (decine: l’ultimo, goffo, del Corriere della Sera) l’indagine di Claudio Gatti pubblicata da New York Review of Books, Il Sole 24 Ore, Frankfurter Allgemeine Zeitung, Mediapart segue un metodo più interessante e, a quanto sembrerebbe, più proficuo. Non ha svolto un’attività critica, non ha paragonato paragrafi di Elena Ferrante con quelli di altri scrittori, non ha confrontato le biografie “reali” di altre scrittrici o scrittori con quelle dei personaggi di finzione dell’opera. Ha utilizzato un sistema collaudato e pragmatico, non meno affascinante: follow the money. Ha collegato una serie di pagamenti dell’editore (e/o), documenti finanziari e immobiliari ad Anita Raja, traduttrice. È un metodo investigativo, e Claudio Gatti effettivamente è questo, non un critico letterario. Sempre Kundera, infatti, scriveva (sempre citando Proust): «Questo metodo semipoliziesco (…) esige che il critico “raccolga sullo scrittore tutte le informazioni possibili, compulsi la sua corrispondenza, interroghi coloro che lo hanno conosciuto”».

Leggo l’articolo, constato l’arguzia dell’investigatore e del suo metodo, noto l’orgoglio con cui scrive «[u]n’inchiesta condotta da Il Sole 24 Ore e pubblicata oggi anche dal quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, dal sito di giornalismo investigativo francese Mediapart e da quello della rivista americana The New York Review of Books, fa ora emergere evidenze “documentali” che danno un contributo senza precedenti all’opera d’identificazione della misteriosa scrittrice». Arrivato alla fine penso: bene, e adesso?

FRANCE-LIFESTYLE-ART-PAINTING-COURBET

Ci ho pensato molto, ho cercato di rispondere alla domanda più semplice e importante: perché? Claudio Gatti ha deciso e perseverato («a months-long investigation», si legge nella versione americana) nell’intenzione di infrangere il desiderio di privacy di una scrittrice – ma un essere umano, ancora prima – per niente. Per un articolo, per uno scoop. Nessuno ha commesso un illecito, nessuno andrà in prigione, nessuno pagherà o ne beneficerà, nessuno potrà dire: “Giustizia è fatta”. Naturalmente, Gatti doveva trovare una giustificazione a un atto simile. E infatti, l’ha cercata. Trovata, probabilmente, no. Nel penultimo paragrafo, scrive: «[I]n La Frantumaglia, Ferrante aveva avvertito i lettori. (…) “Io non odio affatto le bugie, nella vita le trovo salutari e vi ricorro quando capita per schermare la mia persona”». E quindi, ecco la giustificazione finale: «Mentendo – o meglio, annunciando che, qua e là avrebbe mentito – a nostro giudizio la scrittrice ha però compromesso il diritto che ha sempre sostenuto di avere (e che comunque solo parte del vasto mondo dei lettori e dei critici le hanno riconosciuto): quello di scomparire dietro ai suoi testi e lasciare che essi vivessero e si diffondessero senza autore. Anzi, si può dire che abbia lanciato una sorta di guanto di sfida a critici e giornalisti». Ho letto più volte questa frase. È una motivazione debolissima e pericolosa. Non riesco a non pensare al valore morale della giustificazione che Gatti crede di aver trovato. Riassumendo: la scrittrice che scrive libri a nome Elena Ferrante ha mentito. Ho il diritto di punirla violando il suo diritto alla privacy.

Le ingiustizie e la violenza hanno diverse gradazioni e possono assumere temperature diverse, tuttavia è possibile dividerle in gruppi e farne un elenco. L’ossessione investigativa con cui un giornalista sceglie di violare un diritto legittimo come quello alla privacy è così diversa dall’atto con cui vengono pubblicate fotografie rubate dall’archivio iCloud di un’attrice, o un attore? Certo, l’intensità della violenza, su una scala Richter della violazione, è diversa, e un terremoto da due gradi lascia meno morti, meno feriti di uno da otto. Ma un terremoto è un terremoto.

Poi, sì, mi sono anche detto: per un quotidiano o una rivista è difficile dire di no a un pezzo simile, che promette di rivelare chi è Elena Ferrante, e lo capisco. E sarebbe ingenuo non pensare che il successo di Elena Ferrante è in parte dipendente dal mistero della sua identità, ed è naturale la volontà di svelarla. Ma tutte le cose naturali sono buone? Tutti gli istinti sono giustificabili? E se il successo di una scrittrice si basa sull’anonimato, perché non porsi il sospetto, prima di agire, che la distruzione dell’anonimato possa condurre alla distruzione del successo?

Ma non riesco a non pensare alla giustificazione di Gatti, ovvero il diritto di violare la privacy perché “Elena Ferrante” ha ammesso di non trovare peccaminoso il mentire. E la mancanza di un fine: in cosa si distingue l’atto di Gatti da quello di un paparazzo? È utile alla comunità di lettori sapere che Elena Ferrante si chiama in un altro modo, e vive a Roma, e ha origini napoletane e discendenza ebraica? È utile alla comunità di amanti del cinema vedere fotografie di Jennifer Aniston in costume da bagno alle Barbados? La risposta è la stessa.

Se fosse per Kundera, ci andrebbe pure più pesante, forse esagerando, forse no: «È una vecchia utopia rivoluzionaria, fascista o comunista, quella di una vita senza segreti».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg