Cose che succedono | Attualità

Nascere nello spazio è possibile?

Un film appena uscito nelle sale americane, The Space Between Us, racconta la storia di un’astronauta che scopre di essere incinta durante una missione spaziale diretta su Marte. La donna muore ma il figlio, Gardner, sopravvive e diventa il primo essere umano nato in una colonia sul Pianeta rosso. Quanto c’è di verosimile in questa fiction? Le regole interne della Nasa proibiscono espressamente alle donne in gravidanza di partecipare alle missioni, e ogni astronauta donna è sottoposto a un test di gravidanza dieci giorni prima della partenza. Ma se qualcuno riuscisse a eluderle?

Australia Celebrates Baby BoomJeffrey Alberts, professore dell’Indiana University, ha dedicato anni di studi e ricerche all’indagine della possibilità di concepire a migliaia di chilometri dalla Terra. In un esperimento condotto da Alberts, alcune cavie incinte sono state mandate in orbita: ciò a cui hanno dato vita era sprovvisto di un apparato vestibolare funzionante, ovvero non sapeva stare in equilibrio e distinguere l’alto dal basso. Negli ultimi anni, i primi studi sul tema riproduttivo hanno mandato nello spazio diverse specie animali: gechi, uccelli, pesci, salamandre e persino ricci di mare. Ma i dati in nostro possesso non portano ancora a risposte certo.

Di sicuro, è stato dimostrato che l’esposizione a radiazioni e all’assenza di gravità riduce la fertilità degli spermatozoi e aumenta i rischi di contrarre il cancro uterino. Altri filoni di studi hanno dimostrato che, per quanto il concepimento sia teoricamente possibile, gli embrioni non si sviluppano come accade a terra. Anche perché, ha notato un paper, «un feto non può fare esercizio come un astronauta», e il bambino rischierebbe di avere muscoli delle gambe quasi assenti, ossa troppo lunghe e un cuore piccolo e congestionato. Sarebbe, insomma, perfetto per galleggiare nello spazio, ma incapace di vivere sulla Terra.

 

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.