Cose che succedono | Attualità

I ribelli siriani cantano i Backstreet Boys

In Siria per la prima volta gli scontri tra l’esercito del presidente Basharl al-Assad e l’Esercito della Siria Libera, braccio armato dell’opposizione, sono arrivati alle porte della capitale, Damasco. “Sono in corso violenti scontri intorno alle postazioni della Guardia Repubblicana a Qadsaya e al-Hama”, a 8 chilometri di distanza dal centro della capitale, ha reso noto l’Osservatorio siriano per i Diritti Umani, Ong con base a Londra molto vicino ai ribelli.

Sempre oggi BSyria, blogger anonimo preso sul serio da molti analisti, ha twittato questa video-intervista a un soldato dell’Esercito della Siria Libera. «Quando viene l’esercito, gli sparo. Quando non c’è l’esercito, canto per la rivoluzione»

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni