Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Perché le codette di zucchero colorate sono il nuovo trend culinario

Alla fine degli anni Ottanta, l’azienda americana Pillsbury ha messo in commercio la Funfetti cake mix, cioè una torta venduta con delle code di zucchero colorate a parte. L’idea era quella di utilizzarli per l’impasto, così da colorare tutta la torta e conquistare una clientela molto precisa: i bambini. Negli anni, questi zuccheri – noti oltreoceano anche, appunto, come Funfetti o “cibo per gli unicorni” – sono diventati un elemento essenziale per la decorazione di dolci e non solo. In questo periodo, dopo qualche anno di scomparsa dalle scene, sono tornati ad essere usati da chiunque e dovunque, grazie soprattutto a social media come Instagram e Pinterest. 

«Per avere un compleanno di successo negli anni Novanta dovevi pregare tua mamma per farti avere una torta con i Funfetti» ha detto la pasticciera e foodblogger ventisettenne Molly Yeh al New York Times. Secondo il quotidiano, che ha dedicato un articolo al nuovo trend culinario, l’esplosione recente è dovuta proprio al fatto che quelli che erano bambini venti anni fa, adesso sono diventati gli chef che amano utilizzarli, e spesso anche in pietanze che apparentemente sembrerebbero meno adatte.

16395812899_b765fc91a6_b

«Sono davvero molto fotogenici» ha detto Yeh, che per il suo matrimonio ha voluto che gli ospiti le tirassero code di zucchero invece che i confetti. E oggi online si possono trovare anche sparsi sui cocktail, come in un Martini preparato con liquore al cioccolato e vodka aromatizzata alla torta, e addirittura sul formaggio, come all’ambizioso ristorante italiano di Brooklyn At Faun, dove si servono sopra il gorgonzola.

Durante l’anno scorso, aggiunge il Times, su Pinterest gli utenti tra i 25 e i 34 anni hanno salvato il 260% in più di immagini di dolci con code di zucchero rispetto ai 365 giorni precedenti: «Ne siamo ossessionati, e la combinazione tra il fatto di essere stata la prima generazione a crescere coi social media e la nostalgia spiega perché si vedono ovunque» ha chiosato ancora Yeh. Per prepararli bastano albumi d’uovo, zucchero e coloranti, ma in commercio esistono tante varianti già pronte, spesso aromatizzate con sapori diversi, che permettono di non relegare i Funfetti soltanto a una funzione decorativa: «Sono dolci, dopotutto. Se li usate lasciate perdere il bianco, piuttosto utilizzate tanti zuccheri gialli, che corrispondano alla metà della somma degli altir» ha consigliato Doug Quint, fondatore di Big Gay Ice Cream, brand nato come camioncino dei gelati che accostava ai colori delle code di zucchero un significato sociale (quello della lotta per i diritti omosessuali) e oggi si è sviluppato in una serie di negozi fisici.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg