Coppia di zuppiere a forma di crisantemo con coperchi, Dinastia Qing, 1735–1745, Cina Porcellana decorata con smalti famille rose e oro sopra invetriatura, RA Collection. foto: Richard Valencia

Cultura | Design

Avete mai visto una mostra di porcellane cinesi?

Il 30 gennaio ne inaugura una, bellissima, in Fondazione Prada. Raccoglie il maggior numero mai esposto finora di porcellane della dinastia Ming.

di Studio

Curata da Jorge Welsh e Luísa Vinhais, The Porcelain Room – Chinese Export Porcelain esplora il contesto storico, la finalità e l’impatto delle porcellane cinesi da esportazione raccogliendo oltre 1.700 porcellane realizzate tra il XVI e il XIX secolo per diversi mercati, gruppi sociali e religiosi, sottolineando l’efficienza dei produttori cinesi nell’intercettare le domande e le sensibilità di ogni segmento di mercato.

Immagine della mostra The Porcelain Room, Fondazione Prada, Milano (foto: Delfino Sisto Legnani Courtesy Fondazione Prada)
Immagine della mostra The Porcelain Room, Fondazione Prada, Milano (foto: Delfino Sisto Legnani Courtesy Fondazione Prada)
Immagine della mostra The Porcelain Room, Fondazione Prada, Milano (foto: Delfino Sisto Legnani Courtesy Fondazione Prada)
Immagine della mostra The Porcelain Room, Fondazione Prada, Milano (foto: Delfino Sisto Legnani Courtesy Fondazione Prada)
Immagine della mostra The Porcelain Room, Fondazione Prada, Milano (foto: Delfino Sisto Legnani Courtesy Fondazione Prada)
Immagine della mostra The Porcelain Room, Fondazione Prada, Milano (foto: Delfino Sisto Legnani Courtesy Fondazione Prada)
Immagine della mostra The Porcelain Room, Fondazione Prada, Milano (foto: Delfino Sisto Legnani Courtesy Fondazione Prada)
Coppia di zuppiere a forma di scrofa con coperchi, Dinastia Qing, tardo periodo Qianlong (1736–1795) / primo periodo Jiaqing (1796–1820), Cina, Porcellana decorata in blu sotto invetriatura, RA Collection, foto: Richard Valencia
Zuppiera a forma di granchio con coperchio e piatto, dinastia Qing, periodo Qianlong (1736-1795), RA Collection, foto di Richard Valencia
Coppia di zuppiere a forma di carpa-dragone con coperchi e piatti Dinastia Qing, periodo Qianlong (1736-1795), 1750-1770, Cina, Porcellana decorata con smalti rosso di ferro, oro e famille rose sopra invetriatura, RA Collection, foto: Richard Valencia
Modellino di barca olandese, Dinastia Qing, periodo Yongzheng (1723–1735), 1730–1735, fornaci di Jingdezhen, provincia di Jiangxi, Cina. Porcellana decorata con smalti famille rose sopra invetriatura, RA Collection, foto: Richard Valencia
Modello di barca, Dinastia Qing, periodo Kangxi (1662–1722), fornaci di Jingdezhen, provincia di Jiangxi, Cina. Porcellana biscuit decorata con smalti famille verte sopra invetriatura, RA Collection, foto: Richard Valencia

La mostra (dal 30 gennaio al 28 settembre 2020 presso la Fondazione Prada) si inserisce in nuovo ciclo di ricerche intraprese dalla Fondazione per estendere la propria attività a una pluralità di linguaggi espressivi che superano i confini dell’arte contemporanea. Senza creare gerarchie e distinzioni tra arti visive, artigianato, design e produzione in serie, la mostra sottolinea il valore creativo delle porcellane cinesi raccontandone la raffinata lavorazione a un pubblico più vasto.

Nonostante le ceramiche cinesi siano conosciute al di fuori della Cina già durante la dinastia Tang (618-907) e abbiano raggiunto l’Europa all’inizio del XIV secolo, la loro esportazione aumenta considerevolmente raggiungendo ogni regione del mondo solo dopo l’apertura delle rotte marittime verso est da parte dei portoghesi nel 1513. Durante la dinastia Ming (1368-1644) il mercato di esportazione diventa sempre più fiorente, inizialmente con il commercio delle porcellane celadon e smaltate blu. Quando gli europei iniziano a scambiare e commissionare le porcellane per importarle in Occidente, queste diventano la prima merce venduta a livello globale.

La scelta di allestire The Porcelain Room in uno degli spazi della Torre, che ospita una selezione di opere della Collezione Prada, innesca un dialogo tra antico e contemporaneo e un confronto tra raccolte di oggetti e installazioni provenienti da universi culturali differenti. Suddiviso in tre sezioni, l’allestimento progettato da Tom Postma Design è concepito come una stanza nella stanza, una struttura rivestita di velluto marrone, che include diverse vetrine espositive e uno spazio intimo decorato in oro. La sezione iniziale e centrale della mostra include il maggior numero mai esposto finora di porcellane della dinastia Ming decorate con elementi iconografici europei e realizzate tra l’inizio del XVI secolo e la metà del XVII secolo.

La terza parte della mostra rende omaggio alla tradizione delle sale di porcellana, le magnifiche installazioni create nei palazzi e nelle case aristocratiche europee nel XVII e XVIII secolo composte da porcellane cinesi e specchi, pannelli smaltati e decorazioni in legno intarsiato d’oro. Stanze straordinarie furono allestite in particolare in Portogallo, Spagna, Paesi Bassi, Inghilterra, Francia, Germania e Danimarca. Alcuni degli esempi più rappresentativi sono stati conservati fino a oggi, come il soffitto del Santos Palace di Lisbona, realizzato tra il 1667 e il 1687, e la sala di porcellana del Castello di Charlottenburg di Berlino, costruita tra il 1695 e il 1705. Queste stanze ed elementi architettonici sono accomunati dall’uso della porcellana che viene trasferita in un’altra dimensione diversa dalla sua funzione originale. Ogni dettaglio contribuisce a creare un ambiente speciale, colorato, esotico, e ibrido, dove i visitatori sono trasportati verso culture e terre lontane.

Il 30 gennaio inaugura anche Storytelling, mostra personale del pittore cinese Liu Ye a cura di Udo Kittelmann, fino al 28 settembre 2020 alla Galleria Nord nella sede di Milano. Inaugurata per la prima volta a Prada Rong Zhai a Shanghai nel 2018, prosegue a Milano e include una selezione di 35 dipinti realizzati a partire dal 1992.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.