Cose che succedono | Attualità

La crisi dei rifugiati dal 2000 al 2015 in una mappa interattiva

Parlare dei flussi migratori che hanno interessato il mondo negli ultimi anni, con particolare attenzione mediatica internazionale dalla recrudescenza della guerra in Siria, a volte diventa un esercizio puramente retorico. Esistono però dati precisi che descrivono il fenomeno nelle sue proporzioni enormi, restituendogli la sua dimensione storica e sociale. Servendosi degli archivi dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, il team di ricercatori del Create Lab della Carnegie Mellon University ha elaborato una mappa interattiva che mostra geograficamente i movimenti dei rifugiati dal 2000 al 2015, con un effetto molto eloquente.

La legenda vuole che ogni puntino giallo siano 17 persone che fuggono da un conflitto nel loro Paese, e ogni puntino rosso 17 che arrivano a destinazione in un altro luogo. Col passare del tempo e lo scoppio di nuovi conflitti, si possono notare nuovi flussi di pallini gialli che si mettono in cammino, e chi usa la mappa può scegliere di zoommare su un’area particolare per seguirne le vicende degli ultimi 15 anni.

oko

«Con queste mappe interattive che siamo in grado di creare oggi, le animazioni interattive scuotono le persone al di là dei pregiudizi, permettendo a chi le guarda di trovarsi su un terreno comune nell’immediato», ha detto Illah Nourbakhsh, direttore del laboratorio Create. «Dopotutto, la corteccia visiva è il modo più semplice per far comprendere dati complessi alle nostre menti».

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l'impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni