Attualità | Coronavirus

Support Your Local Ristorante

Un'iniziativa della piattaforma Sergio inaugura un nuovo modo per sostenere i ristoranti, in un momento in cui il settore soffre per il secondo lockdown.

di Studio

Sono i ristoranti alcune tra le vittime predilette degli ormai celebri Dpcm governativi: dapprima costretti a chiudere alle 18, e successivamente alla serrata totale, mantenendo soltanto la possibilità di offrire un servizio di delivery oppure take-away. A differenza che nel primo lockdown di marzo e aprile, si sta però sviluppando, questa volta, una maggiore coscienza tra i normali cittadini nell’unirsi per aiutare, con piccoli gesti, la propria comunità. Ordinando più spesso del solito, ad esempio, proprio pranzi e cene dai ristoranti, e privilegiando però dei servizi di ordine che non mettano in crisi il metodo di funzionamento delle cucine, ingolfandole.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Il decreto che ha chiuso i ristoranti alle 18 è un colpo durissimo per un settore che aveva fatto il possibile per adeguarsi alle norme di sicurezza e distanziamento. I maggiori servizi di delivery, con le loro commissioni altissime, non sono un buon alleato. 👉🏽Per questo c’è Sergio: un servizio di ordini che permette alle cucine di prepararsi con un giusto anticipo, evita i sovraffollamenti di ordini, chiede delle commissioni sostenibili, e non si appoggia a servizi di delivery che nascondono lo sfruttamento delle categorie meno protette! Sergio incoraggia il take away: i suoi menù sono studiati per questo, e non è poi una grande fatica! È sullo scambio di cibo, d’altra parte, che si fondano le comunità. Aiuta il tuo ristorante preferito, scegli Sergio e condividilo con i tuoi contatti! 🧶 Trovi tutti i ristoranti che aderiscono su www.ciaosergio.com (Illustrazione di @rotem_bix )

Un post condiviso da Ciao Sergio (@ciaosergiocom) in data:

Seguendo questa sensibilità è nato il motto “Support Your Local Ristorante” della start-up milanese Sergio: nata proprio in queste settimane, è una piattaforma di ordini che permette alle cucine di mantenere il controllo dell’offerta. In termini di servizio, utilizzando delivery indipendente o promuovendo il take-away, chiedendo un certo anticipo necessario per ogni ordine, impostando un numero di slot disponibili ogni sera, ma, anche, in termini di prodotti offerti: i ristoranti che si stanno legando a Sergio offrono esperienze gastronomiche diverse da quelle disponibili dentro il ristorante, con menù talvolta studiati ad hoc.

Con “Support Your Local Ristorante”, Sergio ambisce a costruire una comunità intorno ai ristoranti indipendenti della città, che non si appoggiano ai maggiori servizi di delivery, tutelando in primis la qualità del cibo e del lavoro di chi lo prepara. Promuovendo il take-away e il concetto di “ristorante di quartiere”, incoraggia anche i clienti a visitare, seppure per poco, i ristoranti, per mantenere un certo legame comunitario. Nelle prossime puntate di questa serie, Studio racconterà proprio alcuni dei migliori ristoranti indipendenti di Milano che potete trovare anche, per ordinare pranzi o cene, sulla piattaforma Sergio. Finora, i ristoranti che hanno aderito all’iniziativa, e disponibili su ciaosergio.com, sono: Insieme, Røst, 142, Bentoteca, 28 Posti, Immorale, Sapori Solari, Serica, Kanpai, Ciciarà, Sixième Bistrò, Particolare, Fishion, La dogana del buongusto, La cucina dei frigoriferi milanesi, Sine. Sergio e “Support Your Local Ristorante” sono anche su Instagram.

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.