Cose che succedono | Attualità

Fare haiku con il New York Times

 

Il New York Times ha inaugurato un Tumblr di haiku – e che c’entra la grey lady con questi brevissimi componimenti poetici di tre versi d’origine giapponese? Nulla, ovviamente, se non fosse che l’autore di queste poesie è un algoritmo che pesca frasi dal sito del Times, le ritaglia e le assembla seguendo le rigide regole metriche dell’haiku. Col tempo, si legge sul blog, i suoi programmatori l’hanno aggiornato e migliorato, «rendendolo in grado di gestire metricamente anche parole come “Rihanna” o “terroir“, in modo da rimanere al passo con l’enorme vocabolario del Times».

I risultati spesso non sono entusiasmanti e il progetto sembra essere a metà tra il divertissement e l’esperimento di data mining dell’archivio del giornale. O forse è solo uno dei lussi che ora il quotidiano può permettersi, visto che i lettori hanno ricominciato a pagare per leggere i suoi articoli.

Di seguito alcuni esempi di haiku con link all’articolo relativo.

 

It’s hard to find your
bearings in the middle of
a cataclysm.
(via)

 

The one thing to be
careful about is trimming
the broccoli rabe.
(via)

 

Only rarely does
a giant solar blast fly
directly at Earth.
(via)

 

Vai su Times Haiku

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l'impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni