Cose che succedono | Attualità

Bret Easton Ellis contro i Teletubbies

I Teletubbies sono cattivissimi e Bret Easton Ellis non smette di ricordarcelo. Lo scrittore americano ha postato sul suo sito un suo articolo contro la serie della Bbc per bambini piccoli, dove definisce i protagonisti degli «Umpa Lumpa fatti di acido». L’articolo, intitolato “Why the Teletubbies are evil. The shocking truth by Bret Easton Ellis,” era stato pubblicato sul magazine maschile Gear nel lontano 1999, ma non era reperibile online (anche perché la rivista ha chiuso anni fa): soltanto recentemente lo scrittore l’ha caricato online.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as "Google Youtube" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Per chi avesse la fortuna di non averli mai visti, i Teletubbies sono quattro inquietanti pupazzi colorati che, scrive Ellis, «fanno mosse di karate senza alcuna ragione, girano con delle borsette e hanno nomi come Dipsy e Tinky-Winky». Con le loro vocine e un vocabolario composto prevalentemente da parole sconnesse, «suonano vagamente come la cameriera giapponese stordita di un sushi bar». Più che un programma per bambini, continua, «è l’idea che un autore satirico maligno può avere di un programma per bambini in un futuro architettato da Orwell». I Teletubbies sono degli «orsetti psichedelici», conclude, «al cui confronto le calcolate strategie di shock di Marilyn Manson appaiono insincere».