Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Programmi tv ispirati ai successi del web: dopo Twitter tocca a Tumblr

Tutto è cominciato con Shit My Dad Says, account Twitter che collezionava “perle” di saggezza del padre di Justin Halpern, passato dalla celebrità di culto online a un pubblico sempre più ampio, finendo per strappare un contratto televisivo con Cbs. Il risultato, la sitcom Sh*t My Dad Says ha avuto vita breve (è durato una sola stagione) ma ha creato un precedente: quello dei social network che possono creare fenomeni su altri mercati – quello librario, quello televisivo. Ed ecco quindi arrivare i cloni: Dear Girls Above Me, altro Twitter simpatico e virale, e Shh Don’t Tell Steve, che si occupa di una persona fastidiosa chiamata Steve.

Negli ultimi giorni il trend sembra aver cambiato social network di riferimento, optando per Tumblr. Questa settimana i diritti di “Texts From Bennet“, un esilarante archivio degli sms scambiati tra un giovane adulto e il suo cugino 17enne, sono stati acquistati da Fx, mentre quelli di “Fuck I’m in my Twenties”, Tumblr già divenuto libro poco tempo fa, sono stati comprati da Cbs, che si è anche aggiudicata quelli di “Hollywood Assistants”, sito specializzato in “reaction Gif” e dedicato al sottobosco dei professionisti di Hollywood.

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg