Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Chi è Mr Bottone e perché colleziona tutto

Il suo Vintage Delirum, oltre a essere una boutique, è una delle collezioni più ricche di abbigliamento d’epoca al mondo. Franco Jacassi che ammette serafico «qualcuno mi chiama mister bottone ma non sono mister bottone» è il nuovo protagonista della serie Italica di Vice. 70 mila modelli di bottoni -“tanti, troppi, non ne dovrei comprare più” – che sono la parte saliente di una collezione invidiabile, mare magnum di ispirazione per couturier come Miuccia Prada, Gianni Versace, Karl Lagerfeld che in questi meandri della Milano da Brera ci sono passati più volte.

Profilo di un personaggio che ha iniziato a collezionare, tra l’altro, bottoni «perché il primo è stato quello che ho strappato con troppa enfasi dalla camicetta di una mia ragazza», cultore di pezzetti di epoche: da quando i bottoni sono stati messi sulle maniche dei soldati (britannici) per evitare che questi ci si asciugassero il naso, passando per quelli che sembrano spille, ideali per rendere veritiero il detto “cute as a button”, finendo nella stanza dei bottoni. «Cosa penso della zip? Che è comoda, ma non è cute».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg