Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

L’Europa e quale esercito?

L’Unione europea starebbe meditando azioni punitive nel confronto del regime siriano di Bashar al-Assad. Che, in effetti, sta reprimendo le proteste nel sangue in modo relativamente indisturbato: le ultime notizie parlavano di una ventina di morti, incluso un bambino, tra i manifestanti nella sola giornata di martedì. Al momento a Bruxelles si sta parlando di sanzioni economiche, ma è difficile pensare che sortiscano qualche effetto concreto. Almeno fino a quando la Turchia continuerà a investire massicciamente a Damasco. Poi c’è da aggiungere che, alle prese come sono con Libia, Iraq e Afghanistan, i Paesi occidentali non hanno la credibilità per minacciare eventuali ritorsioni maggiori. Come si dice nei paesi anglofoni quando qualcuno minaccia a vuoto: voi e quale esercito?

You and what army?

Inf. a phrase that responds to a threat by implying that the threat is a weak one. Bill: I’m going to punch you in the nose! Bob: Yeah? You and who else? Tom: Our team is going to slaughter your team. Bill: You and what army? Bill: If you don’t stop doing that, I’m going to hit you. Tom: You and who else?
Seriamente, che cosa vuol fare l’Unione europea? E con quale esercito? Purtroppo non si vede molto margine di manovra contro il regime di Damasco e quelle dei manifestanti siriani rischiano davvero di restare urla nel silenzio.

 

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg