Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La telecamera che “guarda” le partite con gli occhi dell’arbitro

Nel match di WNBA (il massimo campionato di basket femminile statunitense) tra Phoenix Mercury e Indiana Fever di sabato scorso l’arbitro Lamont Simpson si è presentato con uno strano congegno, a prima vista assimilabile a un paio di occhiali avveniristici.

In realtà si trattava di “Ref cam”, una nuova camera sperimentata dalla rete ABC per la trasmissione della partita su scala nazionale. Trasmette le immagini di un evento sportivo così come le vede il direttore di gara, con una riproduzione più fedele dell’azione e dell’agonismo del match. La sua prima comparsa in una competizione sportiva, in realtà, risale allo scorso marzo, quand’era stata utilizzata in occasione di una partita di rugby in Australia.

Peter Larsson, general manager di Broadcast Sports, l’azienda che costruisce Ref cam, ha dichiarato: «L’idea è portare gli spettatori sul campo, il più vicino possibile. La tecnologia non permette di diminuire le dimensioni per farla indossare al giocatore. Questa era la scommessa appena seguente».

A giudicare da questo video delle riprese effettuate con la nuova telecamera, tratto dalla diretta di ABC, l’obiettivo di Larsson sembra essere stato rispettato.

 

Nell’immagine: l’arbitro della WNBA Lamont Simpson con Ref cam

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg