Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La parsimonia del miliardario fondatore di Ikea

Swedish Chamber of Commerce Celebrates 100 years in the UKIngvar Kamprad ha 89 anni ed è celebre per essere l’uomo che ha creato Ikea. Il suo patrimonio personale supera i 40 miliardi di dollari, collocandolo al 9° posto della più recente Bloomberg Billionaire’s List, la classifica delle persone più ricche del mondo stilata dalla compagnia media americana. Contrariamente a quanto sarebbe intuitivo pensare, Kamprad è anche una persona molto attenta alle sue spese.

Un documentario trasmesso questa settimana sulla tv svedese ha rivelato che il fondatore di Ikea è solito comprare i suoi vestiti a mercatini dell’usato. Kamprad ha detto all’emittente TV4: «Non penso di indossare nulla che non abbia comprato a una svendita di capi di seconda mano». Non è nemmeno la prima volta che l’anziano svedese ammette la sua parsimonia. Nel 2008 disse a un quotidiano scandinavo di tagliarsi i capelli durante i suoi viaggi nei Paesi in via di sviluppo, luoghi in cui trova parrucchieri che costano meno. Il sito Listverse aggiunge che «la sua casa è arredata con mobili Ikea che ha personalmente assemblato, usa i mezzi pubblici e la sua modesta abitazione non verrebbe notata in un qualsiasi quartiere suburbano».

Il giornalista canadese Malcom Gladwell, nel suo libro del 2013 David and Goliath, ha sottolineato come questo aspetto del carattere di Kamprad l’abbia aiutato a costruire una delle multinazionali più profittevoli della storia dell’imprenditoria: «Fondamentalmente, gli innovatori devono essere in qualche modo spiacevoli». Non potendo mantenere la produzione in Svezia, nei primi anni Sessanta, in piena Guerra fredda, l’uomo la spostò in Polonia. Molti al suo posto avrebbero temuto di essere considerati traditori della patria, come poi effettivamente successo allo stesso Kamprad, ma lui, sostiene Gladwell, «non è il tipo di persona a cui importa cosa gli altri pensano di lui».

Immagini Chris Jackson, Sven Nackstrand/Getty Images
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg