Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il gioco da tavolo più in voga tra 2.700 anni

Jason Rohrer è un game designer che probabilmente teme di vedere le sue creazioni usate per un periodo e poi dimenticate. Forse per questo all’ultimo Game Design Challenge – una competizione annuale fra i guru degli sviluppatori di giochi – ha presentato A game for someone.
La vaghezza del titolo non è accidentale: il gioco di Rohrer è progettato per essere giocato fra duemila anni. L’ispirazione l’ha tratta da quegli architetti che progettano grandi strutture e non vivono abbastanza per vederle ultimate, dice, e in parte anche dai giochi tradizionali che sono sopravvissuti ai secoli e alle epoche (ad esempio il Mancala africano).

Per essere sicuro che nessun coevo giochi a A game for someone, Jason Rohrer ha lasciato il compito di svilupparne le regole a un’Intelligenza Artificiale, l’ha costruito in titanio e l’ha seppellito da qualche parte nel deserto del Nevada.

Per finire, ha fornito ai presenti al Game Design Challenge un pezzetto di carta con alcune coordinate GPS, assicurando che se qualcuno le avesse seguite con un metal detector, il gioco avrebbe potuto essere trovato nel giro di 2.700 anni.

 

Nell’immagine: A game for someone. Non potrete giocarci.

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg