Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il drone fricchettone che porta pace e amore (e OxyContin)

Bombardamenti, spionaggio, perlustrazione: sono le attività “tipiche” dei droni militari, quelle conosciamo tutti. Questi veicoli sono però molto versatili e, come abbiamo visto, possono essere utilizzati come mezzo artistico o come atto di denuncia sociale, a seconda della creatività del singolo. L’artista Axel Brechensbuaer, per esempio, ha deciso di utilizzare gli Uav per il motivo opposto a quello che per il quale sono nati: portare pace e amore. Il progetto consiste in un piccolo drone bianco e sorridente (vedi immagine seguente) in pensato per rilasciare sull’atmosfera notevoli quantità OxyContin, un analgesico narcotico in grado di eliminare i sentimenti violenti a chi ne fa uso. L’obiettivo, ovviamente, sarebbe quello di usare il “peace drone” per calmare i nemici.

L’opera è ovviamente una provocazione che «mira a indicare la follia dell’omicidio» ma è quasi pronta la sua seconda versione, dotata di un serbatoio più grande per l’OxyContin e di un impianto acustico «che inonderà i nemici con una melodia brillante e ipnotizzante», come ha dichiarato Brechensbuaer a Wired. L’artista ha in mente anche di esibirsi dal vivo con la sua creazione – e a chi critica l’utilizzo di un calmante contro “i nemici”, risponde: «Le persone felici sono sempre migliori di quelle morte».

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg