Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

I posti dove il mondo finisce, secondo Google Street View

Alan Taylor – in parte ispirato da quel giochino generatore di dipendenza che è GeoGuessr - su The Atlantic ha passato del tempo a cercare i limiti estremi delle strade della modalità Street View di Google Maps.

Ci sono infatti dei posti in cui – vuoi per l’intervento umano, vuoi per la conformazione geologica del territorio – le Google car si vedono costrette a fare retromarcia e tornare alla base. Con un po’ di pazienza, Taylor li ha raccolti in una galleria fotografica.

Questa strada alle Hawaii, Kaimu-Chain of Craters Road, è stata coperta dal magma da passate eruzioni del vulcano Kilauea. [Guarda su Google Maps]

Un villaggio sperduto nei pressi di Sund, in Norvegia. [Guarda su Google Maps]

Qui l’ostacolo incontrato da “Big G” è di natura giuridica: l’incrocio Sha Tau Kok dei Nuovi territori, ad Hong Kong, segna l’inizio di una zona di sorveglianza posta fra l’ex colonia inglese e la Cina continentale. [Guarda su Google Maps]

Un molo di Sand Island, parte dell’atollo di Midway (Hawaii). [Guarda su Google Maps]

 

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg