Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Snapchat, se fosse esistito negli anni Novanta

Vivendo in un Paese in cui, pochi giorni fa, Repubblica scriveva che il brand di streaming video di Amazon, Prime Video, è «un servizio a pagamento di consegna rapida a domicilio (1 giorno di solito) di cd-rom di film e serie tv di successo», non possiamo far altro che apprezzare il video rétro prodotto dal parodista della digital culture SquirrelMonkey. Si tratta di una guida all’uso di Snapchat, se invece che un’app del 2017 fosse stato un pionieristico servizio via web degli anni Novanta.

In questo finto spot, Snapchat è protagonista di un’ipotetica trasmissione che racconta le meraviglie del neonato web, Wonders of the World Wide Web, ed elenca i requisiti minimi per far girare la nuova applicazione: un pc Microsoft, uno scanner portatile per caricare le immagini, una connessione a internet… e il suo floppy d’installazione, ovviamente. Qui, a provare Snapchat, è il presidente Clinton, non si sa se già coinvolto in quel famoso scandalo.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg