Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il ventiduenne che ha risolto per caso l’attacco hacker mondiale

Venerdì scorso un gruppo di hacker si è servito di una serie di strumenti sviluppati dalla National Security Agency, l’organismo federale americano dedito allo spionaggio, per attaccare decine di migliaia di utenti intorno al mondo: mascherando un virus di tipo ransomware (che cioè cripta i file personali chiedendo poi un riscatto all’utilizzatore) da email contenenti avvisi di sicurezza e offerte di lavoro, gli hacker hanno chiesto dai 300 ai 600 dollari a ignare persone di ogni latitudine. A essere particolarmente colpiti dalla diffusione del virus WannaCry sono stati gli ospedali inglesi, che si sono visti costretti a mandare a casa pazienti perché i loro sistemi interni erano improvvisamente non funzionanti.

wanna

Poi l’emergenza è rientrata, grazie a un ventiduenne analista di cybersecurity, noto su Twitter come MalwareTech. Per sole 8 sterline, il ragazzo ha rilevato un nome di dominio internet che si stima gli hacker abbiano usato per orchestrare l’attacco, riuscendo dunque a fermarlo. MalwareTech, intervistato dal Daily Beast, ha dichiarato di essere riuscito nell’impresa «completamente per caso», aggiungendo un monito: «Se l’abbiamo fermato, c’è una probabilità del 100 percento che trovino un’altra via e ricomincino. Finché le persone non ci metteranno una pezza aggiornando la sicurezza, la crisi continuerà». Al momento il National Cyber Security Centre britannico sta ancora lavorando «giorno e notte» (si legge su Dazed) per risolvere completamente il caso WannaCry.

Immagini: nel testo, i Paesi colpiti da WannaCry
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg