Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

ll curriculum televisivo della futura moglie del principe Harry

È ufficiale: Meghan Markle, l’attrice più googlata del 2016, sarà la moglie del principe Harry. Il matrimonio si terrà nel 2018 nell’abbazia di Westminster di Londra (il fatto che l’attrice sia divorziata non ha importanza per la religione anglicana). Come ha segnalato Harper Bazaar, la notizia ha già generato una corsa collettiva dal chirurgo plastico per copiare il naso di Markle, «bello perché non è proprio perfetto», commenta un chirurgo. Per osservare il futuro naso regale da tutte le angolazioni possibili basta guardare qualche puntata della serie legale Suits. Volendo approfondire, le possibilità non sono poche: la ragazza, infatti, è comparsa in un bel po’ di serie. Vulture ha creato un vero e proprio curriculum televisivo, video per video, risalendo fino ai primi anni del 2000.

Tra le varie interpretazioni segnaliamo la sua profetica apparizione serie tv Castle, in cui nel 2012 Markle interpreta una party girl che viene indagata perché si crede abbia ucciso alcuni suoi amici: a un certo punto della puntata appare travestita da principessa. Nel 2009 compare in Fringe, serie di fantascienza in cui interpreta una giovane agente dell’Fbi, poi una breve apparizione il The League, mentre nel 2008, in Without a Trace, fa una professoressa che aveva una relazione illecita con lo studente da poco scomparso. Divertente anche il suo ruolo, che potremmo definire da “messy bitch” in 90210, il reboot del 2008 di Beverly Hills 90210. E prima ancora, dopo la sua prima apparizione in Csi, l’ormai famosa partecipazione a alcune puntate del gioco a premi Deal or No Deal del 2007: «un’esperienza istruttiva», raccontava a Esquire nel 2013. Da allora si impegnò al massimo nella recitazione, consapevole che altrimenti avrebbe potuto «restare per sempre lì, terribilmente scomoda su quegli economici tacchi dodici, aspettando che qualcuno estraesse il mio numero per potermi sedere».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg