Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Finalmente abbiamo un font da sostituire al Comic Sans

Forse abbiamo trovato una soluzione a uno dei problemi più annosi della internet culture: il Comic Sans, font brutto per eccellenza e oggetto di un’infinita serie di meme parodistici (nonché font scelto per la presentazione ufficiale di una delle scoperte scientifiche più importanti di sempre, quella del bosone di Higgs). Una star del type design, Jonathan Hoefler – protagonista, tra l’altro, di una storica faida che ha segnato l’industria dei font – ha inventato Inkwell, una nuova famiglia di caratteri immediatamente accostabili al maledetto Comic Sans, ma che riescono a fare diversi passi avanti rispetto alla sua bruttezza. «Ero in attesa dei primi paragoni col Comic Sans», ha fatto sapere lo stesso Hoefler a Fast Co. Design.

Schermata 2017-06-30 alle 11.26.13

Le differenze tra i due font, però, sono evidenti: «Il Comic Sans mira a “informale” ma centra “amatoriale”. Volevo che Inkwell fosse informale, ma anche che mostrasse una certa padronanza», ha commentato Hoefler. Il nome Inkwell, in realtà, contiene tanto versioni serif quanto versioni sans delle lettere, oltre a quattro font “decorativi”. Ma c’era bisogno di un altro font in stile handwriting? Secondo il designer sì: «I font ispirati alla scrittura a mano sono immensamente popolari, perché non sono istituzionali, colmano un gap che gli altri font non possono colmare, dato che sono troppo di maniera», ha detto Hoefler.

Immagine in evidenza Getty Images
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg