Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La campagna pro-Brexit e le Spice Girls

Tra due mesi, il 23 giugno, la Gran Bretagna voterà per decidere se restare o no nell’Unione europea. Tra i principali sostenitori del Brexit ci sono Boris Johnson, Nigel Farage e George Galloway. A fare campagna per l’uscita dall’Unione europea inoltre c’è anche “Leave EU”, un movimento autodefinitosi «della società civile» che gestisce il sito Leave.eu e l’account Twitter @LeaveEUOfficial.

Tra le varie varie opinioni e analisi euroscettiche che @LeaveEUOfficial ha twittato e ritwittato c’è una citazione delle Spice Girls, ha notato indy100, un sito legato all’Independent. «Vogliono essere al passo coi giovani», ha ironizzato, e per questo hanno tratto ispirazione da una girl band di vent’anni fa.

Nel tweet di cui sopra, Leave EU cita Victoria Beckham, oggi imprenditrice 42enne, che accusa gli «euro-burocrati» di «distruggere l’identità nazionale». In realtà però la citazione risale al 1996 ed è stata estrapolata da un’intervista concessa da Victoria allo Spectator quando ancora non faceva Beckham di cognome, ed era nota al mondo come “Posh Spice”. Curiosità: le Spice Girls erano peraltro ferventi thatcheriane.

Nell’immagine: scarpe delle Spice Girls all’asta (LEON NEAL/AFP/Getty Images)
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg