Cose che succedono | Polemiche

Secondo la stampa americana, Jimmy Bennett è stato ridicolizzato da Giletti

Più di un terzo della puntata di ieri del programma Non è l’arena di Massimo Giletti, in onda su La7, è stato dedicato a Jimmy Bennett, il giovane attore che afferma di essere stato violentato da Asia Argento nel 2014, ad appena 17 anni. Per mettere a tacere quelle accuse, all’inizio del 2018, la Argento risarcì Bennett di 380 mila dollari, ma l’accordo è trapelato ed è stato raccontato ad agosto in un pezzo del New York Times.

Quella rilasciata ieri a Giletti, è la prima intervista di Bennett a un giornalista italiano. Intervista che, almeno per la stampa estera, Bennett avrebbe fatto meglio a evitare. Secondo The Daily Beast, Giletti «lo ha fatto parlare davanti a un pubblico solo per metterlo al palo, rivelando tutto il sessismo italiano». A essere contestata dal giornale statunitense è, soprattutto, la domanda con la quale Giletti ha chiesto se tra i due «ci fosse stato un rapporto completo», lasciando intendere che, in tal caso, non si può parlare di vero stupro.

Un fotogramma della puntata di ieri di “Non è l’arena”. Bennett è seduto accanto al suo avvocato, mentre va in onda il messaggio registrato per l’occasione da Asia Argento

E, ancora, Giletti è accusato di tecniche da terzo grado per aver mostrato l’ormai virale selfie che ritrae Bennett e la Argento subito dopo aver fatto sesso. «Scusa ma non sembri scosso, in questa foto non sembri essere traumatizzato – ha commentato il giornalista – Non assomigli a qualcuno che ha paura». A quel punto, il pubblico in studio è scoppiato in un fragoroso applauso, mentre Bennett è impallidito, «inizio a capire le tue intenzioni», ha risposto.

«Ero preoccupato di arrivare di fronte a un pubblico ed essere accusato di non essere sincero riguardo la violenza subita – ha detto l’attore dopo l’intervista – Dopo il modo in cui sono andate le cose ieri, ho deciso che seguirò la via del silenzio. Avevo ragione».

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.