Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Nokia 3310, l’indistruttibile

Con la chiusura dell’ultimo stabilimento di produzione di Nokia, la compagnia di telefonia mobile più famosa del mondo prima dell’avvento (e dell’esplosione) di smartphone come iPod, Blackberry e Samsung, si è chiusa un’era – l’era del cellulare (altro nome in disuso) economico, semplice, e compatto. Nokia aveva saputo creare i pezzi migliori, capaci di coniugare estetica e funzionalità, e soprattutto aveva creato il più famoso cellulare di sempre. Il 3310 (pr: trentatrédieci).

Distribuito a partire dal 2000, il 3310 era riconoscibile ovunque: uno schermo di 84×84 pixel, tasti argentati, comprendeva il sistema di scrittura T9, la composizione vocale di un numero telefonico, e soprattutto quattro giochi, tra cui il “cult” Snake II.

Soprattutto, del Nokia 3310 è passata alla storia la resistenza. È diventato protagonista di meme, video e “test” di infrangibilità che prevedevano cose poco ortodosse come attaccarlo al paraurti posteriore di un’auto e trainarlo per la strada (qui ne potete trovare un bel po’).

Infine il New Yorker (sì, il New Yorker) celebra con un breve video uno dei cellulari più venduti di sempre (126 milioni di esemplari), prodotto dal 2000 al 2005, quando Nokia, ancora al sicuro dai pericoli di iOS e Android, dominava il mondo delle comunicazioni.

 

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg