Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Le Emoji che stiamo usando in maniera del tutto sbagliata

Come scrive Megan Logan su Wired, ognuno ha un’Emoji preferita, a cui ricorre magari con più frequenza nello scrivere messaggi (sarebbe strano il contrario, vista la diffusione capillare del fortunatissimo set di icone). Eppure alcune Emoji nascondono un malinteso di fondo, perlomeno nella loro lettura più comune.

Unicode, il gruppo che si occupa di decidere gli standard delle Emoji, ha proposto una serie di modifiche grafiche per far sì che, beh, ogni faccina assolva alla funzione per cui era stata originariamente concepita. Dovremo fare i conti col fatto che l’Emoji pseudo-furente in realtà indicava dall’inizio «trionfo, non rabbia»; che quella scioccata era in realtà «accigliata»; che quella delle due mani giunte indica una preghiera o un ringraziamento, non due persone che si danno il cinque.

Schermata 05-2457165 alle 11.28.35

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg