Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Per chi se li fosse persi

Letture per questo fine settimana di metà giugno: dal giornalismo di nuova generazione all'amore secondo Susan Sontag.

Cacciatori di buchi neri, hotel che dichiarano di essere infestati dai fantasmi, la nostra ossessione per i “geni depressi” e due inchieste, molto diverse tra loro, sui siti d’informazione di seconda generazione: ecco alcune storie consigliate dalla redazione di Studio per questo (si spera non troppo afoso) weekend di giugno.

Buona lettura!

What is code? – Businessweek
Questa settimana Bloomberg Business è totalmente dedicato a questo articolo di Paul Ford sulla programmazione a computer: che cos’è, a cosa serve, come funziona, perché è importante.

Black Hole Hunters – New York Times
Sui cacciatori di buchi neri e sul Telescopio Orizzonte degli eventi, il più grande mai costruito, nato per osservare il punto di non ritorno

The Journey – Guardian
L’odissea di un uomo siriano (e della sua famiglia) dal Medioriente all’Europa del Nord, passando per l’Italia e i viaggi dell’inferno nel Mediterraneo, raccontata in una storia interattiva.

Digital Journalism: the next generation – New York Review of Books
Buzzfeed vista dalla New York Review of Books. Ovvero pregi e difetti dei siti d’informazione di seconda generazione (non solo Buzzfeed, ma anche Quartz, Vox, Intercept)

Wow. Clickhole – Slate
Una giornata nella redazione di Clickhole, lo spin-off di The Onion che fa il verso ai contenuti virali: come funziona e chi lo fa.

Why I defaulted on my student loans – New York Times
Lee Siegel, autore di 6 libri, racconta perché ha deciso di non ripagare i suoi debiti universitari e dichiarare bancarotta: ripagare i debiti avrebbe richiesto l’abbandonare una scrittura e intraprendere una carriera diversa. Un op-ed che sta dividendo i liberal.

Having a mental illness doesn’t make you a genius – Guardian
Ci piace pensare che le malattie mentali aiutino la creatività. Non è vero. Si può essere depressi anche senza essere dei geni… e forse anche i geni depressi lavorerebbero meglio senza la loro depressione.

Why do so many historic hotels claim to be haunted? – Atlas Obscura
Sul perché c’è un legame così forte tra antichi alberghi e fantasmi e sulla Pink lady, spettro femmnile che infesta il Grove Park Inn

The Realest Estate Language – Awl
Cosa succede quando si cerca di creare una lingua del tutto “logica” e dal nulla? Succede che non va a finire bene.

Love, Sex, and the World Between – Brain Pickings
Amore e sesso secondo Susan Sontag: estratti da una famosissima intervista a Rolling Stone del 1978

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg