Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Per chi se li fosse persi

Raccontare Baltimora 15 anni dopo The Wire, Philip Roth spiega cos'è l'America, la fine dell'universo, e le altre storie migliori della settimana.

In che senso “covfefe”? Mentre internet provava a dare un senso a quel tweet inviato per sbaglio dal presidente americano, in settimana sono uscite anche altre storie interessanti, da un bel reportage giornalistico da Aleppo a un punto sul dibattito sorto intorno all’appropriazione culturale. E, tra le altre cose, come Shakespeare può aiutare gli studi scientifici contemporanei, e le prime recensioni del film di Wonder Woman. Buona lettura.

 

Attualità, politica, esteri

Aleppo After the FallThe New York Times Magazine
Dispaccio da Aleppo, come simbolo di una guerra civile siriana ancora più complessa di prima.

Hillary Clinton Is Furious. And Resigned. And Funny. And Worried. New York
Una bella intervista-ritratto di Hillary, che a questo giro è molto più Rodham che Clinton, a qualche mese dalla sconfitta.

I voucher sono il motivo per cui la sinistra perde Il Post
Si è riparlato, negli ultimi tempi, di voucher, ossia dei buoni lavoro avversati da buona parte della sinistra-sinistra: perché questa fissazione spiega molti dei mali di quella parte politica.

 

Media, giornali, tech

For the New York Times, a Bittersweet Ending for its Public Editor RoleLongreads
Una storia del ruolo del public editor del New York Times, una figura complessa e unica, che ora sta per venire ufficialmente eliminata dall’organigramma del giornale.

The Internet Defines “Covfefe”Wired
Tutte le ipotesi – beh, le principali, quanto meno – che il mondo ha fatto per spiegare quel tweet di Donald Trump.

Blowing The Whistle On SputnikMedium
Cosa significa lavorare a Washington per Sputnik, il braccio della propaganda del Cremlino in America? Parla l’ex corrispondente Andrew Feinberg.

 

Cultura

Canada’s war over “cultural appropriation” The Economist
Un pezzo che spiega bene, a partire dal caso di una rivista letteraria canadese, il dibattito sull’appropriazione culturale.

I Have Fallen in Love with American Names The New Yorker
Un intervento di Philip Roth sull’identità, sulle etichette, sugli scrittori che l’hanno ispirato e, più in generale, su che cos’è l’America.

Shakespeare’s Genius Is Nonsense Nautilus
Ciò che Shakespeare ha ancora da dire sugli studi sul linguaggio e la mente umana.

 

Tv, cinema, pop

‘Progress is painfully uneven’: Baltimore, 15 years after The WireThe Guardian
Un reportage da Baltimora, 15 anni dopo The Wire.

How Tlc Changed EverythingPacific Standard
Come le TLC, già negli anni Novanta, hanno condotto battaglie femministe e di diritti con coraggio e originalità.

‘Wonder Woman’ Is the DC Universe’s Best Superhero Movie Yet, Proving the Future Is Very Much FemaleIndieWire
Secondo IndieWire, che ne ha scritto una recensione entusiasta, il film di Wonder Woman è il migliore dei personaggi DC Comics.

 

Moda, viaggi, cibo, stili di vita

Industrial revolution: the second coming of GabberDazed & Confused
Dazed & Confused ha intervistato Alberto Guerrini di Gabber eleganza.

What Happened to J. Crew?T Magazine
Perché gli americani si sono disinnamorati del marchio che gli aveva insegnato come vestirsi?

Why American Workers Now Dress So CasuallyThe Atlantic
Come in America, più o meno all’improvviso, il dress code da ufficio ha virato decisamente sul casual.

 

Scienza

The End of the Universe as We Know ItThe New Yorker
E se tutto finisse? Non è detto che le cose che conosciamo dell’universo funzionino sempre nel modo in cui sappiamo e questo rende difficile fare qualunque tipo di previsione

 

Il video della settimana

Ten-Metre Tower è il divertente cortometraggio che ha documentato la prima volta di persone che non si erano mai tuffate da un trampolino di dieci metri.

 

La gallery della settimana

Alla Beetles+Huxley Gallery di Londra apre una retrospettiva su Joel Meyerowitz, grande nome della street photography anni Settanta: alcuni suoi scatti sono stati ripresi dal T Magazine del New York Times.

22tmag-joel-slide-2JDB-master675

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg