Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La rassegna di Studio per il weekend

Dal mistero di Freddy Adu alle nostre vite online che ci rovineranno il futuro, e poi la ricerca di un hacker e un ex produttore di Hollywood che vuol cambiare le prigioni minorili californiane.

Un piano per piegare la propaganda nordcoreana, il mistero dei sentimenti umani, un anniversario musicale e gli adolescenti che vivono la loro gioventù online. Storie e analisi uscite negli ultimi giorni e da leggere con calma in un momento di pace, come ogni sabato qui su Studio.

Buona lettura.

 

“Outside Man” – The California Sunday Magazine

Perché Scott Budnick ha abbandonato Hollywood dopo aver prodotto una serie di commedie record? Per aiutare i ragazzini californiani in prigione a rifarsi una vita. E non vuole più tornare indietro.

 

“Why photobooks are booming in a digital age” – The Financial Times

Sul boom inaspettato dei libri fotografici in un’era in cui tutto – anche la fotografia – è digitale.

 

“Anatomy of a Hack” – The Verge

Chi ha hackerato gli account di Partap Davis, dalle mail ai suoi BitCoin? Una ricerca del colpevole che non porta a una risposta precisa ma spiega molto della nostra sicurezza online.

 

“Permanent Records” – The New Inquiry

Tutti si chiedono come farà la gioventù d’oggi a trovare lavoro con tutto il materiale imbarazzante che postano ogni giorno online. La vera domanda che dovremmo porci, però, è: a noi che ce ne frega?

 

“The Writers” – The Los Angeles Review of Books

Sceneggiatori e autori televisivi come intellettuali alienati.

 

“Seriously, What the Heck Happened With Freddy Adu?” – Grantland.com

La scomparsa di Freddy Adu: la storia definitiva della caduta di quella che, dieci anni fa, poteva essere la nuova stella del calcio Usa, a soli 14 anni.

 

“The spy who came in from al-Qaeda” – BBC

La storia dell’uomo che giurò fedeltà a Osama bin Laden in persona, e che poi passò all’MI6. Una lunga intervista.

 
 

Immagine: particolare della redazione parigina dell’International New York Times (Guillaume Belvèze)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg